/ COSTUME E SOCIETÀ

COSTUME E SOCIETÀ | 08 maggio 2021, 15:00

Orto didattico a Pralungo, un anno scolastico vissuto “outdoor” per i bimbi di Sant'Eurosia

orti pralungo

La scuola dell'infanzia di Sant'Eurosia a Pralungo ha fornito un ottimo esempio di come sfruttare in modo positivo, già da inizio anno scolastico, le indicazioni dettate dall'emergenza legata alla pandemia. Il suggerimento di utilizzare il più possibile gli spazi all'aperto per fare didattica è stato seguito con grande entusiasmo nel corso di tutto l'anno ed è stata anche l'occasione per evidenziare una proficua collaborazione e una bella gara di solidarietà tra tutte le figure presenti sul territorio: scuola, genitori, comune, parroco, associazioni locali (Priori, Pro loco, Associazione Muratori).

Puntare su salute, capacità relazionali, benessere sociale sono stati gli obiettivi che la scuola seguito, migliorando in modo creativo l'offerta formativa. Da subito sono stati allestiti dei gazebo all'ingresso dove poter fare l'accoglienza e pranzare, quando il clima non è troppo rigido. I bambini poi, grazie alla generosità di molti, possono disporre di un discreto numero di biciclette, oltre che di tricicli, che gli consentono di imparare a muoversi su due ruote divertendosi. Una famiglia ha offerto la possibilità di accedere alla propria fattoria e alle proprietà annesse così i bambini hanno avuto la fortuna di avere vicino a loro un vasto territorio con ruscello da esplorare, hanno giocato con galline e conigli, osservato le mucche, raccolto castagne e mangiato la frutta raccogliendola direttamente dagli alberi. Gli stessi bambini hanno aiutato le loro attivissime maestre a realizzare con bancali di recupero un giardino verticale abbellendo l'ingresso della scuola.

L'opera più importante è stata sicuramente la realizzazione di una serra, fornita dal comune, che genitori e insegnanti hanno provveduto a sistemare, attrezzando spazi per la coltivazione e creando delle aiuole per un orto didattico. I piccoli allievi con entusiasmo e una certa competenza se ne occupano seminando, trapiantando, innaffiando e così attraverso il gioco sperimentano ed imparano. Trascorrere le giornate all'aperto in tutti i periodi dell'anno ha comportato la fondamentale disponibilità dei genitori che, oltre all'aiuto per l'allestimento, hanno accettato di fornire l'abbigliamento adeguato ai figli e magari fare qualche bucato in più, abbondantemente ripagati dall'entusiasmo che le esperienze outdoor hanno portato ai loro bambini.

Redazione g. c.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore