/ Benessere e Salute

Benessere e Salute | 07 maggio 2021, 08:00

A Crevacuore arrivano i Cuori di biscotto per sostenere la ricerca scientifica

biscotti telethon crevacuore

Foto di repertorio

Per la Festa della Mamma, un dono raro e prezioso: i Cuori di biscotto di Fondazione Telethon. Scegliendoli, si supporta la ricerca sulle malattie genetiche rare e con un regalo unico e raro alle mamme. Sabato 8 maggio, a Crevacuore, in Piazza Martiri, al mattino, sarà possibile acquistare i “Cuori di biscotto” e sostenere così la ricerca scientifica sulle malattie genetiche rare, finanziata e sviluppata dalla Fondazione Telethon.

I “Cuori di biscotto” saranno in distribuzione grazie alla disponibilità dei Volontari della Pro Loco di Ailoche e della Pro Loco di Crevacuore uniti in sinergia ed in collaborazione con il Comune di Crevacuore. L’iniziativa, inserita nell’ambito della campagna di primavera Telethon, ha l’obiettivo da una parte di continuare a sensibilizzare sull’importanza del sostegno alla ricerca scientifica per la cura delle malattie genetiche rare e dall’altra di ricordare l’impegno della Fondazione Telethon durante tutto l’anno. Grazie a questo sostegno la Fondazione Telethon lavora ogni giorno per continuare a fare importanti passi avanti nella cura e nel miglioramento della qualità della vita dei pazienti che sono al centro della sua missione.

“Io sostengo la ricerca con tutto il cuore” è il messaggio che si legge sulla confezione per ricordare l’importanza della generosità e della voglia di donare per sostenere la ricerca scientifica per la cura delle malattie genetiche rare. Diventa perciò importante fare donazioni e azioni concrete per aiutare i ricercatori a sviluppare nuove cure per un numero sempre più alto di malattie genetiche. Un piccolo gesto che tutti sono invitati a fare per garantire un futuro migliore ai malati. “Appuntamento dunque a Crevacuore – conclude il sindaco Ermanno Raffo - per sostenere, con una piccola donazione, la ricerca scientifica e far sentire la nostra vicinanza ai pazienti e alle loro famiglie”.

Redazione g. c.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore