/ L'opinione di...

L'opinione di... | 26 aprile 2021, 06:50

L'opinione di Pietro Calcagno: "Riapriamo con la speranza di un nuovo inizio"

Il ristoratore biellese e chef de La Lira: "Il nostro settore è stato uno di quelli maggiormente colpiti ma i biellesi hanno dimostrato grande capacità di reazione sapendo cogliere dalla sofferenza un'opportunità"

Pietro Calcagno

Pietro Calcagno

La pandemia è stato certamente qualcosa di inaspettato e imprevedibile, che ancora adesso sta creando grande preoccupazione. Tutti abbiamo reagito nel modo giusto e siamo stati bravi a rispettare le regole, ma ora un po' per volta grazie ad una conoscenza sempre più approfondita della malattia, ai vaccini e all'attenzione di tutti, possiamo intravedere un ritorno alla normalità.

Questo nuovo passo verso la riapertura di tutte le attività può rappresentare "l'inizio della fine". Abbiamo bisogno di un nuovo inizio, abbiamo cercato di dare sempre il meglio pur passando momenti di grande difficoltà tra cassa integrazione, ritardi e chiusure. Il nostro settore è stato uno di quelli maggiormente colpiti ma i biellesi hanno dimostrato grande capacità di reazione, sapendo cogliere dalla sofferenza un'opportunità. 

Nel corso dei mesi sono stati avviati tanti progetti e uno di questi, nato proprio a febbraio 2020, è quello di Fondazione Biellezza, che personalmente sostengo perché reputo sia ricco di idee e contenuti interessanti. Si parte da quello che io definisco le basi, perché oltre al rilancio del turismo si parla di formazione degli operatori, tassello importante per creare un ambiente ricettivo in un territorio unico, che ha tante bellezze da saper cogliere e valorizzare.

Oggi riapriremo al Piazzo, in uno dei locali da noi gestiti, l'Antico Comune, ovviamente nello spazio all'esterno. Sulla chiusura della piazza ci sono stati pareri contrastanti, ma credo che l'amministrazione comunale sia stata brava ad ascoltare il parere di tutti e a non prendere decisioni drastiche, anche se bisogna tenere conto che il nostro settore è stato martoriato e che per questo abbiamo davvero bisogno di ripartire al massimo.

Le soluzioni ci sono, basta confrontarsi, ragionare e non prendere decisioni irremovibili. Mi auguro che questo sia un nuovo inizio, verso un periodo positivo e ricco di opportunità in cui tutti possiamo comportarci da protagonisti, perché è ciò di cui abbiamo bisogno.

Pietro Calcagno

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore