COSTUME E SOCIETÀ - 17 aprile 2021, 17:03

"Giù le mani dai nostri corpi", sotto i portici del comune il flash mob per i diritti sull'aborto FOTO

Alla guida della manifestazione l'associazione Voci di Donne con il presidente Rita de Lima, segretaria provinciale del PD di Biella

Foto Studio Fighera

Foto Studio Fighera

"Giù le mani dai nostri corpi", "Fuori gli obiettori dai consultori", "La #194 non si tocca", "I consultori devono restare pubblici". Sono solo alcuni dei messaggi che nella mattinata di oggi, 17 aprile, sono stati lanciati durante il flash mob organizzato da Voci di Donne Biella i collaborazione con Cgil Biella, Cgil Donne Biella, Cgil Pensionati Biella Uil Biella, Uil P.O E Diritti Biella, Uil Pensionati Biella e l'adesione Donne Nuove, Non Sei Sola, Associazione Underground, Conferenza Democratiche Biellesi, Giovani Democratici, Il Groviglio.

Tra i tanti partecipanti, correttamente distanziati e con la mascherina, non c'erano soltanto le donne biellesi ma anche molti uomini legati da un filo rosso e dai cartelli di protesta alle loro compagne, colleghe e amiche. La manifestazione, guidata dal presidente di Voci di Donne e segretario provinciale del PD, Rita de Lima, aveva lo scopo di chiedere "l’accesso gratuito alla contraccezione e alle cure ginecologiche; l’accesso garantito, sicuro e gratuito all’aborto e un'educazione alla sessualità consapevole e libera" e ha raccolto il consenso non solo delle associazioni presenti, ma anche di diversi cittadini.

bi.me.

Ti potrebbero interessare anche:

SU