/ Cronaca dal Nord Ovest

Cronaca dal Nord Ovest | 11 aprile 2021, 12:01

"Ostriche e champagne": preso il quarto componente della banda

Di ritorno dalla Romania, è stato fermato dalla Mobile di Vercelli al casello di Rondissone

Foto di repertorio

Foto di repertorio

Stava tornando dalla Romania, diretto a Torino, quando gli uomini della Squadra Mobile della Questura di Vercelli lo hanno intercettato all'altezza del casello di Rondissone. Nella tarda mattinata di sabato 10 aprile, la Polizia di Stato, dopo serrate ricerche, ha tratto in arresto anche il quarto uomo destinatario delle ordinanze di custodia cautelare in carcere eseguite poco prima nell’ambito dell’operazione “Ostriche e Champagne” che si era reso irreperibile (leggi qui).

Nella prima mattinata erano stati raggiunti, e sottoposti ai provvedimenti restrittivi, presso le loro abitazioni di Torino, tre dei quattro componenti di un sodalizio criminale dedito alla commissione di furti aggravati in danno di magazzini di prodotti agro-alimentari dell’intero territorio piemontese. Il quarto uomo era inizialmente riuscito a sottrarsi all’arresto essendo di fatto irreperibile presso la sua abitazione.

Gli uomini della Squadra Mobile della Questura di Vercelli hanno iniziato, quindi, febbrili ricerche apprendendo che il malvivente, da alcuni giorni assente sul territorio nazionale, era probabilmente in procinto di rientrarvi a bordo del suo furgone. Infatti la sera precedente era partito dalla Romania probabilmente diretto alla sua abitazione di Torino.

Gli investigatori hanno deciso quindi di approntare un servizio alla barriera di Rondissone, sull’autostrada A4. E, verso le 12,30, gli investigatori sono riusciti a intercettare il furgone guidato dal cittadino rumeno che veniva prontamente bloccato al casello.

L’uomo, un 42enne cittadino romeno residente a Torino e pluripregiudicato per reati contro il patrimonio, è stato accompagnato in Questura e, dopo gli atti di rito, associato alla Casa Circondariale di Billiemme.

Dal nostro corrispondente di Vercelli - bi.me.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore