/ COSTUME E SOCIETÀ

COSTUME E SOCIETÀ | 08 aprile 2021, 06:50

Coppia di amici in azione per ripulire boschi Valle Oropa da rifiuti abbandonati: “Incredibile ciò che la gente butta via”

Nuova iniziativa a favore dell'ambiente. E il gesto non passa inosservato.

raccolta rifiuti coppia amici

Non si fermano i gesti spontanei a favore dell'ambiente. Il nuovo atto di senso civico arriva dalla zona del Favaro, Biella, dove due amici, Paolo e Andrea, si sono rimboccati le maniche e hanno cominciato a ripulire alcune zone della Valle di Oropa dal mese di febbraio. “Sono un runner appassionato di corsa in montagna – racconta Paolo – e ogni volta che percorrevo i sentieri delle nostre vallate mi imbattevo, spesso e volentieri, in rifiuti abbondonati. Non ci ho pensato due volte e ho deciso di fare qualcosa. Ho coinvolto il mio amico Andrea e insieme abbiamo iniziato la nostra opera un paio d'ore al pomeriggio”.

Così, armati di guanti e sacchetti della spazzatura, hanno riempito di rifiuti almeno una quarantina di sacchi in tre pomeriggi. “È incredibile ciò che la gente getta a terra – sottolinea – Abbiamo raccolto quintali di spazzatura: pannolini, plastica di ogni tipo, vetro, bottiglie, auto dismesse e molto altro”.

Ma il gesto non è passato sotto silenzio. Nei giorni della zona gialla e arancione, molte persone si sono interessate alla loro iniziativa. “Hanno domandato e chiesto informazioni per venire a darci una mano, come ad esempio il nostro amico comune Giancarlo – spiega – Sono stati tanti i gesti di solidarietà. Ora, con la zona rossa, tutto si è fermato ma non appena la situazione generale lo consentirà torneremo nei nostri boschi. Parliamo tanto di turismo e di attrarre visitatori nelle nostre zone. Per farlo, però, dobbiamo mantenere pulite le nostre zone e continuare a farlo. Ringraziamo Seab che ha collaborato nel conferimento finale di ciò che abbiamo raccolto”.

Un'iniziativa lodevole, l'ennesima di alcuni semplici cittadini che hanno scelto, nel Biellese, di attivarsi per mantenere pulito il proprio territorio, che si assomma ai casi virtuosi registrati nelle scorse settimane a Gaglianico (leggi qui), Vigliano Biellese (leggi qui), Roppolo (leggi qui) e Masserano (leggi qui).

g. c.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore