CULTURA E SPETTACOLI - 05 aprile 2021, 09:00

Su Nuraghe in poesia, conforto e speranza nei versi di Nicola Loi

Biella, Basilica di San Sebastiano. Cappella della Crocifissione, “nennere” al sepolcro di Cristo

Biella, Basilica di San Sebastiano. Cappella della Crocifissione, “nennere” al sepolcro di Cristo

Per questa Pasqua che, per il secondo anno consecutivo, è caduta sotto la cappa delle restrizioni sanitarie, i versi di Nicola Loi di Ortueri cercano di dare conforto. Otto quartine in cui il dolore, che attraversa i nostri cuori, trova eco nel silenzio degli uccelli e in quello delle campane. Dolore venato di speranza come quello del Cristiano che, davanti al Cristo morto sa che risorgerà, indicando nel conforto verso l’altro, la comprensione del Cristo risorto.

L’ode, nella traduzione italiana di Grazia Saiu, verrà inserita tra i testi del prossimo appuntamento del Laboratorio Linguistico “Eya, emmo, sì: là dove il sì suona, s’emmo e s’eya cantant”, per imparare a leggere e a scrivere in lingua materna contemporanea, in calendario martedì 27 aprile alle 21 ora italiana, alle 17 dall’altra parte dell’oceano.

Sapadu Santu

Sunt mudos in su chelu sos puzones,
No intendes mancu tocos de campana.
Sunt totu in bonu-isetu sas persones,
Isetende sa die soberana.

Est sa sollennidade de sa die,
Chi su mudine ti ponet in coro.
E isetende chi resorgat chie,
Nos at batidu pius de prata e oro.

E como lu pregamus tot'unidos,
Chi accabbet cun sa Pasca custa pena.
Amus connotu tempos mai bidos,
Chi ant postu a su mundu dolu e pena.

S'umanidade est sena iscudu,
Est abberu a s'isetu 'e su chelu.
In su mudine pedimus azudu,
Sighide sa peraula 'e s’evangelu.

Tue pienu ti ses de richesa,
Preighende de totu s'ignorantzia.
Ma pro chi tenzas piena sa mesa,
De s'omine no est cussa sa sustantzia.

 A palas de unu poddighe ti cuas,
De atere no abbaidas sa miseria.
Dae cura a solu no t'alluas,
Tando cumprendes ca sa cosa est seria.

Ora de ispera, fide e caridade,
Est ora 'e dare a totus su cunfortu.
Chie no at in coro piedade,
No at a cumprender’ su Cristos resortu.

Chi siat abberu su sapadu santu,
Intesu cun sentidos in su sinu.
Gai s'omine ligadu e afrantu,
Liberu at a sighire su caminu.

Nigolau Loi, 3 de abrile, Sapadu Santu 2021

 

Sabato Santo

Sono muti nel cielo gli uccelli,
Non senti neanche rintocchi di campana.
Sono tutte speranzose le persone,
Aspettando la giornata sovrana.

 
È la solennità del giorno,
Che il silenzio ti pone nel cuore.
E aspettando che risorga chi,
Ci ha portato più di argento e oro.

 
Ed ora lo preghiamo tutti uniti,
Che termini con la Pasqua questa pena.
Abbiamo conosciuto tempi mai visti,
Che han messo nel mondo dolore e pena.

L'umanità è senza scudo,
È davvero nella speranza del cielo.
Nel silenzio chiediamo aiuto,
Seguite la parola del vangelo.


Tu riempito ti sei di ricchezza,
Predicando di tutta l'ignoranza.
Ma anche se hai riempito il desco,
Dell'uomo non è quella la sostanza.

Dietro un dito ti nascondi,
Degli altri non guardare la miseria.
Curandoti da solo non avvelenarti,
Allora capisci perché la cosa è seria.

Ora di speranza, fede e carità,
È ora di dare a tutti conforto.
Chi non ha nel cuore pietà,
Non riesce a capire il Cristo risorto.

Che sia davvero sabato santo,
Inteso con compassione dentro il petto.
Così l'uomo legato e affranto,
Libero sarà di seguire il cammino.

Nicola Loi, 3 aprile, Sabato Santo 2021

Simmaco Cabiddu Su Nuraghe - bi.me.

Ti potrebbero interessare anche:

SU