ATTUALITÀ - 01 aprile 2021, 06:50

Piedicavallo, lavori verso la fine a 6 mesi da alluvione. Sindaco: “Attendiamo fondi per ponti e sentieri distrutti” FOTO

Il sindaco Rosazza Prin ha fatto il punto della situazione in paese degli interventi.

lavori piedicavallo

Foto Studio Fighera

Si intravede il traguardo finale a Piedicavallo per il ritorno alla normalità: a quasi sei mesi dall'alluvione del 2 e 3 ottobre che ha duramente colpito l'alta Valle del Cervo, il sindaco Carlo Rosazza Prin ha fatto il punto della situazione ai taccuini di Newsbiella sullo stato dei cantieri presenti in paese.

“Con l'arrivo della primavera e la fine della stagione invernale, i lavori hanno subito un'accelerata decisiva – spiega – Si sono conclusi gli interventi di somma urgenza al Ponte Pinchiolo insieme al ripristino di strade e scalinate interne del paese. Al momento, restano alcune opere di messa in sicurezza di strade, case e terreni confinanti con il torrente Cervo. Conto di ultimarle entro il mese di giugno”. La spesa prevista è di 890mila euro, complessiva di tutti gli interventi di somma urgenza. “Di questi sono stati finanzianti 240mila dalla Regione – sottolinea Rosazza Prin – Siamo ancora in attesa degli altri fondi dallo Stato e dalla Regione. Doveroso e sentito il ringraziamento alle imprese che hanno agito in questi mesi”.

La viabilità dei mezzi in centro paese resterà ancora sospesa per qualche giorno, in attesa degli ultimi ritocchi. “Conto di far passare le auto entro Pasqua – afferma il primo cittadino – Ad oggi possono usare la strada solo i pedoni”. Il Ponte della Coda al Parco Ravere, simbolo del paese nonché dell'intera vallata, crollato a causa della potenza dell'acqua, non verrà invece ripristinato in tempi brevi. “Per la sua ricostruzione si è stimata una spesa complessiva di circa 250mila euro – analizza Rosazza Prin – Siamo in attesa di un finanziamento che la Regione ci ha promesso, così per gli altri ponti andati distrutti”.

Aggiornamenti importanti arrivano anche sullo stato dei sentieri che portano ai rifugi e alle mete più suggestive della Valle Cervo. “Purtroppo buona parte dei percorsi in bassa quota sono andati completamente distrutti – ammette - Alcuni di questi non si potranno ripristinare in tempi brevi. Anche in questo caso siamo in attesa di finanziamenti. Sicuramente non potremmo utilizzarli quest'estate per camminate ed escursioni. Ed è un danno non indifferente”.

Infine, entro giugno si punta a ripristinare il campo sportivo delle Ravere. “Verranno utilizzati i fondi raccolti dalla sottoscrizione della Pro Loco ScalpitiAmo per Piedicavallo – conclude - Sono più di 50mila euro, sufficienti per l'area sportiva”.

g. c.

Ti potrebbero interessare anche:

SU