/ CRONACA

CRONACA | 14 marzo 2021, 15:00

Carcere di Biella, riunita la V commissione comunale. Ferrari (Lega): "Fare il massimo per trovare soluzioni"

Gianni Ferrari, vicepresidente della V commissione

Gianni Ferrari, vicepresidente della V commissione

Si é riunita giovedì sera nella sala conferenze del Museo del Territorio Biellese la V Commissione comunale permanente per volontà della Lega, che ha chiesto al Presidente di convocare la seduta fin dal settembre 2020, dopo una delle aggressioni occorse al personale di Polizia Penitenziaria del carcere di Biella. "Nel frattempo, sono stati molti altri i casi - alcuni balzati agli onori della cronaca - che hanno portato il gruppo della Lega in Consiglio comunale a riformulare la richiesta in modo formale" si legge nella nota stampa del partito.

All’ordine del giorno un solo punto: “Audizione dei Rappresentanti sindacali della Polizia Penitenziaria della Casa Circondariale di Biella”. In sala, oltre ai commissari della Commissione e i rappresentanti sindacali di categoria, erano presenti il vicesindaco Giacomo Moscarola, l’assessore Barbara Greggio e parecchi consiglieri del gruppo Lega Salvini Biella. Durante gli interventi sono emerse diverse criticità riguardanti l’istituto di via dei Tigli: la manutenzione della struttura stessa, il lavoro della Polizia Penitenziaria, la casa-lavoro, i detenuti internati e la gestione dei detenuti.

Dice il consigliere leghista Gianni Ferrari, vicepresidente della V commissione: “Abbiamo fortemente voluto questo incontro perché il nostro intento è quello di essere pragmatici e fare il massimo per trovare delle soluzioni, per questo siamo stati ringraziati dai rappresentanti sindacali ma siamo noi che dobbiamo ringraziare loro. Ritengo che la Commissione sia stata istruttiva per tutti coloro che hanno partecipato ai lavori, pochi di noi erano veramente a conoscenza dei problemi all’interno del carcere di Biella, problemi legati alla mancanza di personale e detenuti violenti, ma il dato che più mi colpisce è quello riguardante i detenuti stranieri. Infatti, il 65% dei detenuti risulta essere straniero e di etnie diverse che spesso vanno in conflitto tra di loro, creando ulteriori problemi a chi deve gestirli e garantirne la sicurezza”.

Aggiunge Ferrari: “Siamo consapevoli e non abbiamo la presunzione di risolvere tutti i problemi che sono emersi in commissione, sappiamo benissimo che la maggior parte non sono di competenza comunale, tuttavia sono altresì convinto che alcuni si potrebbero affrontare e trovare delle soluzioni. Ho invitato i commissari delle altre liste presenti in sala a collaborare con noi, perché questa non deve essere una campagna politica della Lega come qualcuno potrebbe pensare, ma deve essere una campagna di solidarietà e impegno civico nei confronti della Polizia Penitenziaria”. 

Conclude Ferrari: “E’ doveroso da parte mia e di tutta la Lega ringraziare i rappresentanti della Polizia Penitenziaria, che si sono prodigati a turno per rispondere a tutte le richieste e le domande dei consiglieri comunali, anche per il grande e impegnativo lavoro svolto in questo periodo di Covid, che ha complicato ancora di più le condizioni lavorative interne alla Casa Circondariale”.

Comunicato Stampa Lega Salvini Piemonte Biella - bi.me.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore