CRONACA - 03 marzo 2021, 06:50

La storia dell'insegnante di yoga Elisa Francese finisce in tv: “Senza lavoro, un anno invisibile”

La biellese ha dovuto chiudere la sua palestra a causa dell'emergenza coronavirus: la sua vicenda è stata trasmessa sui canali di Omnibus, su La7.

elisa francese

Foto di Stefano Ceretti

“Oggi è un anno che sono invisibile, da quando ho chiuso le porte del mio centro yoga, per non aprirle più. Un anno che non mi è consentito fare il mio lavoro, che sapevo fare bene, che manteneva me e la mia famiglia. È cambiato praticamente tutto. Sono cambiata io. Ho dovuto prendere decisioni, affrontare cambiamenti radicali, reinventarmi. Ho cercato un altro lavoro, ma sono una donna di 48 anni, che da più di 10 insegna yoga. Ho chiesto ad amici, bussato a porte, chiesto favori. Non sapete quanto mi è costato. E non ha portato nulla”.

Parole pesanti come macigni. Pensieri impressi su carta e condivisi, nei giorni scorsi, in un post pubblico sul proprio profilo Facebook da Elisa Francese, insegnante di yoga biellese, senza lavoro da un anno e costretta ad accantonare il sogno della sua vita a causa dell'emergenza Covid. Quella palestra che da molti anni sapeva regalarle gioie, soddisfazioni. Ma soprattutto dignità e una prospettiva di futuro. Ora, le certezze che sembravano salde si sono sgretolate sotto i suoi piedi, lasciando dietro di sé cicatrici e sentimenti di dolore.

“Mi guardo allo specchio e mi vedo vecchia – scrive nel suo post - Triste. Stanca. E i miei rapporti diventano vecchi, tristi e stanchi. E tutto diventa un po’ più grigio. Silenzioso. Solo. Oggi è un anno che sono invisibile. E so di non essere l’unica”. Uno spaccato di realtà nudo e crudo, che ha cominciato a diffondersi nel web, raccogliendo più di 4500 like e oltre 2200 condivisioni, finendo nei radar della televisione: ieri mattina, infatti, la vicenda di Elisa Francese è stata raccontata in una videointervista su Omnibus, il programma televisivo di La7 condotto da Gaia Tortora. In diretta l'insegnante biellese ha raccontato la sua storia, molto simile a quelle di tanti professionisti e lavoratori che, da un giorno all'altro, si sono ritrovati soli, senza voce e una salda certezza nel domani.

A poche ore dalla messa in onda, ha confidato ai taccuini di Newsbiella la sua esperienza in tv e il clamore nazionale suscitato attorno al suo post: “Ho scritto quelle parole per dare voce a chi, come me, è rimasto nell'ombra. Non mi aspettavo questa risonanza mediatica ma evidentemente molti si sono ritrovati nelle mie parole. Non ero mai stata in tv: ovviamente ero molto tesa ed emozionata ma ringrazio lo staff e i giornalisti del programma per avermi dato voce e ascolto”.

Numerosi i messaggi, pubblici e privati, pervenuti all'attenzione di Elisa Francese: “Centinaia di persone mi hanno contattato per condividere la loro storia e loro problematiche quotidiane. Non solo biellesi, ma tanti fuori provincia. Ci sono tante categorie in ginocchio, colpite dall'emergenza coronavirus e lasciate sole, al loro destino. Molti contestano il fatto che manchi una visione chiara di chi ci guida”.

Ad un anno dallo scoppio della pandemia, la vita di Elisa Francese è cambiata radicalmente ma non si abbatte: “Oggi faccio lezioni online, cerco lavoro e sto provando a reinventarmi. Non è facile ma non mi piango addosso. Cerco di reagire alle difficoltà di ogni giorno. Non so se dopo la pubblicazione del mio post e il racconto della mia vicenda in tv le cose cambieranno. Ma è stato importante farlo per gridare al mondo che ci siamo: esistiamo, abbiamo una voce e non siamo invisibili”.

g. c.

Ti potrebbero interessare anche:

SU