/ Circondario

Circondario | 27 febbraio 2021, 07:40

Piazza Ricetto Candelo, Veronese: "Pochi parcheggi, lamentele da residenti e commercianti"

La capogruppo di Candelo per Tutti si fa portavoce di alcuni cittadini: "è necessario ripensare al diritto di sosta prolungata di chi non è residente in piazza"

Piazza Ricetto Candelo, Veronese: "Pochi parcheggi, lamentele da residenti e commercianti"

"I Candelesi ci scrivono e lamentano i metodi medievali con cui viene gestito il paese, di certo adeguati all’epoca storica del Ricetto, ma saturi di antipatica “discrezionalità” politica e dai risultati deludenti". Parla aspramente il capogruppo di minoranza Candelo per tutti, Elettra Veronese, che si fa portavoce di alcuni cittadini per segnalare la "perenne penuria di parcheggi nella piazza Castello - dichiara - antistante il Borgo. A breve la piazza rivedrà l’apertura dell’edicola che da tempo aveva chiuso i battenti e ciò ripropone l’interrogativo di come conciliare le legittime aspettative delle attività commerciali di assicurare posti auto alla clientela e di installare dehors e dei residenti, privi di garage o posto auto interno, di poter parimenti trovare parcheggio.

Bar, ristoranti, alimentari, cinema e tutte le altre attività hanno una funzione sociale-pubblica, prima che economico-privata, tengono vivo un paese, ma questa funzione, mortificata dalla pandemia, non è stata di certo favorita a Candelo, assodato che il Sindaco ha deciso di non dare aiuti in & out dalla piazza - ci si riferisce ad aiuti concreti - nonostante i fondi governativi Covid-19 ricevuti, diversamente da ben più piccoli Comuni che hanno, ad esempio, dimezzato la TARI".

Secondo la capogruppo "la questione della scarsità di parcheggi in piazza Castello è annosa ma, al contrario del buon vino, non migliora con il semplice passare del tempo: è necessario ripensare invece al diritto di sosta prolungata di chi non è residente in piazza che, a mio avviso, è cosa diversa dagli spazi che utilmente occupano i dehors. Proprio nei giorni scorsi, un Candelese ha suggerito di precludere la sosta, nell’orario di apertura, ai titolari e dipendenti di bar, negozi e banche, nonché al personale comunale. Se il Sindaco, questa volta, riuscirà a non pensare ai voti che perderebbe (o guadagnerebbe?) alle prossime elezioni, potrebbe ridare respiro alla piazza e, magari, con un piccolo sforzo in più, potrebbe anche mettere mano al vetusto, lacunoso e farraginoso Regolamento Comunale che disciplina questi aspetti".

Redazione bi.me.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore