/ CRONACA

CRONACA | 26 febbraio 2021, 06:50

Rifiuti abbandonati alla Bessa, il direttore Bider: "Situazione frequente, interveniamo come possiamo"

Dalla segnalazione di una lettrice l'intervento del direttore del parco: "Le nostre risorse sono poche e se la collettività non aiuta diventa difficile". Il sindaco Zerbola: "L'inciviltà di alcuni è vergognosa"

Rifiuti abbandonati alla Bessa, il direttore Bider: "Situazione frequente, interveniamo come possiamo"

Bottiglie, pneumatici e rifiuti abbandonati nel parco naturale della Bessa, sul territorio di Cerrione, all'imbocco del sentiero per la Fontana del Buchin. A segnalarlo è stata una nostra lettrice, che nei giorni scorsi ha inviato il materiale alla redazione per chiedere l'intervento degli enti preposti.

Sulla questione è intervenuto il direttore del parco Claudio Bider: "Si tratta di episodi che accadono di frequente - spiega - dovuti alle pessime e purtroppo incontrollabili abitudini di molti cittadini. Come tutte le altre volte i nostri operari interverranno per ripulire la zona nel modo migliore possibile, ma il problema resta di difficile soluzione sia perché si tratta di un atteggiamento di inciviltà quasi impossibile da estirpare e sia perché il nostro personale è ridotto al minimo. Abbiamo bisogno di essere messi nelle condizioni di mantenere il parco pulito e decoroso, ma non è giusto che la nostra società si debba assumere l'onere di rimediare ai guasti degli incivili. C'è un servizio rifiuti che funziona e a Cerrione abbiamo anche l'ecocentro, nel quale si possono portare i rifiuti compresi gli ingombranti senza nessun rischio".

Ma quello dell'abbandono di immondizia non è un caso isolato: "Il nostro parco è stato anche oggetto di atti vandalici - prosegue Bider - com'è accaduto nei giorni scorsi: qualcuno ha spruzzato della vernice spray rossa su un masso erratico, scrivendoci sopra diverse e incomprensibili parolacce. Stiamo parlando di una superficie di 4 o 5 metri quadri, ripulita interamente dai nostri operatori con solvente e spazzola di ferro. Purtroppo le nostre risorse sono queste e se la collettività non ci dà una mano diventa difficile mantenere il parco accogliente e in ordine".

E a Cerrione non è soltanto il parco della Bessa ad essere preso di mira dagli incivili, a partire dalla vera e propria discarica abusiva di rifiuti speciali scoperta nell'estate 2018 (leggi qui) ai sacchi di immondizia abbandonati lungo le strade provinciali del paese e rimossi in parte da un cittadino volontario nei giorni scorsi (leggi qui). "È vergognoso - commenta il sindaco Anna Maria Zerbola -, è una situazione che mi fa sentire inutile e la rabbia è tanta di fronte a questi gesti, soprattutto in un paese come il nostro in cui ci sono tutti i servizi necessari per lo smaltimento dei rifiuti. La Bessa è un luogo che dovrebbe essere frequentato da persone che amano l'ambiente e la natura, non da gente che sfrutta queste zone con inciviltà".

bi.me.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore