/ CRONACA

CRONACA | 26 febbraio 2021, 13:00

Positivi al tampone nelle scuole di Lessona e Brusnengo, la preside: "A breve rientro a scuola"

L'Asl ha stabilito la quarantena per alcune classi dell'Istituto Comprensivo. I due casi si sono verificati nel giro di pochi giorni l'uno dall'altro

Le scuole di Lessona e Brusnengo

Le scuole di Lessona e Brusnengo

Alcune classi rientreranno lunedì 1 marzo, altre rimarranno in quarantena fino al prossimo giovedì. Questa la situazione attuale dell'Istituto Comprensivo "Fratelli Viano da Lessona" di Brusnengo che comprende, tra le altre, le scuole primarie e secondarie di Lessona e di Brusnengo. Tutto è iniziato la scorsa settimana, quando uno degli studenti di Lessona è risultato positivo al tampone (leggi qui). Una situazione immediatamente presa in carico dall'Asl, che ha stabilito la quarantena per alcune delle classi coinvolte.

Avendo un'insegnante in comune, per precauzione nei giorni successivi sono stati effettuati i tamponi nelle classi quarta e quinta della primaria di Brusnengo, come spiega il sindaco Fabrizio Bertolino: "L'Asl ci ha comunicato che un solo bambino è risultato positivo al tampone. Nessuno degli alunni presenta sintomi e di un eventuale contagio da variante non c'è traccia. Fino a giovedì 4 marzo, come stabilito dall'azienda sanitaria, le due classi rimarranno a casa e seguiranno le lezioni con la didattica a distanza".

I due comuni sono intervenuti in supporto alla sanificazione degli edifici, ma il lavoro principale è stato effettuato dall'Asl in collaborazione con il provveditorato e la dirigenza della scuola: "La situazione è sotto controllo - spiega la preside Margherita Sergi - e le classi di Lessona rientreranno a scuola a partire da lunedì. Ringrazio la dottoressa Vettorello dell'Asl, pronta a comunicare qualsiasi problematica o provvedimento, secondo cui poi agiamo di conseguenza. Lavoro prezioso anche quello del provveditorato, mi rivolgo in particolare ai professori Laura Zanotti e Agostino Giampietro, oltre alla dottoressa Giusy Motisi. Non siamo soli: tutti noi insieme a sindaci, Asl e provveditorato abbiamo agito come una squadra".

bi.me.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore