/ Biellese che NON piace

Biellese che NON piace | 24 gennaio 2021, 08:30

Rifiuti abbandonati a Quaregna Cerreto, Giordani: "Diventata discarica a cielo aperto, non c'è più senso civico"

Il sindaco ha dato disposizioni affinché la cooperativa vada a raccogliere ciò che è stato abbandonato, tra cui una sedia da scrivania e dei grossi pezzi di plastica

Foto pagina Facebook Katia Giordani

Foto pagina Facebook Katia Giordani

Il problema dell'abbandono dei rifiuti sulle strade biellesi si fa di nuovo sentire. Nei giorni scorsi in via Piave a Quaregna Cerreto sono stati ritrovati materiali ingombranti e non lasciati a bordo strada senza ritegno. A segnalarlo era stato il sindaco Katia Giordani sulla propria pagina Facebook: "I maiali seriali colpiscono ancora - aveva scritto -. In arrivo illuminazione pubblica in via Pericle Maggia e videocamere su via Piave per scongiurare il rischio di abbandono di rifiuti e di inquinamento ambientale". In particolare, dato che la Provincia e la Regione hanno dato parere favorevole all'installazione di un impianto fotovoltaico in un campo nei pressi di via Piave, "faremo un collegamento con le telecamere di videosorveglianza - spiega il sindaco - che verranno posizionate sia in direzione di Cerreto che della superstrada".  

Sulla questione la prima cittadina è andata a fondo: "Quella zona è ormai diventata una discarica a cielo aperto, non c'è più senso civico. Ho dato disposizioni affinché la cooperativa vada a raccogliere ciò che è stato abbandonato (tra cui una sedia da scrivania e dei grossi pezzi di plastica, ndr). Qui si gioca a fare i furbetti. Dieci giorni fa ho proprio colto di sorpresa una persona che stava per abbandonare dei rifiuti nella zona e gli ho intimato di non farlo e di andarsene".

Ma, secondo quanto riferito dal sindaco, la situazione non riguarda soltanto il suo comune: "Ho girato parecchio nei dintorni di Quaregna Cerreto e ho notato che anche a Cossato la situazione non è delle migliori: i cestini pubblici sono pieni di sacchi dell'immondizia sia all'interno che all'esterno, per terra, in numerosi luoghi del paese. Non so quale possa essere la soluzione più efficace ma bisogna risolvere questo problema". 

Secondo il sindaco "anche nei comuni cosiddetti virtuosi, in cui la differenziata supera l'80%, non tutti conferiscono regolarmente. I comuni non hanno la possibilità di controllare il peso dei rifiuti che ogni settimana Seab carica e il fatto che tanta immondizia venga abbandonata nei cestini pubblici fa abbassare di fatto la media. È un argomento tortuoso che tratterò anche in assemblea dei sindaci la prossima settimana". 

Conclude Giordani: "C'è tanta amarezza, il tutto aggravato dal menefreghismo generale sulla cura dei giardini, delle piante, delle siepi. È una situazione in cui ognuno dovrebbe fare la propria parte, tutti insieme affinché il proprio paese splenda". 

bi.me.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore