/ CRONACA

CRONACA | 14 gennaio 2021, 10:30

Rubato cavallo di marmo dalla tomba dell'unico figlio, genitori: “Come se fosse morto di nuovo”

Il furto è avvenuto domenica al cimitero di Cavaglià. La madre ha lanciato un appello sui social: “Restituite quella statua”.

cavaglià furto

Da quasi 4 anni papà Paolo e mamma Mariella fanno visita alla tomba del loro unico figlio, Simone, scomparso a 36 anni nel febbraio 2017 per un brutto male che non gli ha lasciato scampo. A fargli compagnia alcuni oggetti legati alla sua breve esistenza terrena: una candela del Torino, sua squadra del cuore, alcune foto e un cavallo rampante di marmo appoggiato ad una base di vetro davanti alla lapide.

Un oggetto di valore modesto ma dal profondo significato affettivo per la famiglia. “Domenica mio marito è andato al cimitero di Cavaglià a trovare Simone – racconta mamma Mariella – Lì l'amara sorpresa: il suo cavallo di marmo era sparito. Mio figlio amava molto i cavalli, tanto che per un certo periodo ne abbiamo avuti due, ed era molto legato a quell'oggetto. La delusione è tanta: è come se mio figlio fosse morto una seconda volta. È allucinante sottrarre qualcosa a chi non può più difendersi. Non ho fatto denuncia ai Carabinieri ma la rabbia è immensa”.

Nei giorni scorsi, la donna ha lanciato un appello sui social, commentato e condiviso dalla comunità di Cavaglià, che ha trovato la solidarietà di molti. “Se qualcuno sa qualcosa ci faccia sapere – conclude mamma Mariella – Ai ladri, invece, chiedo di restituire ciò che ci avete tolto”.

g. c.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore