/ CRONACA

CRONACA | 12 gennaio 2021, 11:00

L'ultimo saluto della città al suo ex vicesindaco Franco Bielli

Politico, insegnante, presidente dell'Istituto autonomo case popolari: una vita spesa per Biella. Al funerale hanno partecipato anche alcuni ex sindaci, oltre all'attuale primo cittadino Claudio Corradino

funerale bielli

Foto Fighera

In tanti si sono riuniti questa mattina, 12 gennaio, per l’ultimo saluto all’ex vicesindaco di Biella Franco Bielli. Personaggio di spicco nel panorama politico e storico biellese degli anni '70 e '80, Bielli si è spento sabato 9 gennaio all’età di 87 anni.

Il suo interessamento alla vita politica iniziò presto: a 21 anni aderì al Partito Socialista Italiano, fino ad entrare nel Direttivo Nazionale del PSI grazie al suo carattere autoritario e alla sua passione. Divenne poi vicesindaco di una città che per quasi 30 anni lo vide impegnato in molte amministrazioni, insieme ai primi cittadini Franco Borri Brunetto, Luigi Petrini e Luigi Squillario, a cui era molto legato. Dall'inizio degli anni '70 quindi, oltre ad essere già padre di famiglia e insegnante di scuola, occupò la carica di vicesindaco e assessore allo Sport. Bielli fu anche presidente dell'IACP (Istituto autonomo case popolari) e socio fondatore dell'Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, Vercellese e in Valsesia.

Alla cerimonia del suo funerale, celebrata da don Paolo Boffa, hanno partecipato diverse autorità del territorio, oltre ad alcuni ex sindaci della città tra cui Gianluca Susta e Dino Gentile e all’attuale primo cittadino Claudio Corradino, proprio a testimonianza del suo impegno politico nella città in cui è cresciuto e per la quale ha impiegato il suo massimo impegno per oltre 50 anni della sua vita.

bi.me.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore