/ Casa Edilizia

Casa Edilizia | 08 gennaio 2021, 19:00

La digitalizzazione accelera i tempi delle compravendite immobiliari: le previsioni per il 2021 sono ottimiste

La digitalizzazione accelera i tempi delle compravendite immobiliari: le previsioni per il 2021 sono ottimiste

Nonostante la pandemia mondiale abbia messo in ginocchio molti settori del tessuto economico italiano il settore immobiliare resiste e anzi fa dei passi in avanti notevoli, per alcuni versi inaspettati.

Considerando la situazione non rosea del settore immobiliare, in pochi avrebbero scommesso che il mattone avrebbe retto alle restrizioni causate dal Covid19, eppure le compravendite in alcune città italiane sono aumentate dimostrando la capacità del real estate di adattarsi in maniera rapida ai nuovi cambiamenti di scenario.

La digitalizzazione del Real Estate non è solo il futuro, ma anche il presente

Paradossalmente la spinta obbligata alla digitalizzazione imposta dalle restrizioni Covid19 ha contribuito notevolmente al risveglio del settore immobiliare.

Il processo di digitalizzazione del settore, cominciato prima della pandemia, con il Covid19 ha subito un’accelerazione, mostrando sin da subito i primi risultati.

Oramai sono numerose le piattaforme digitali e le agenzie immobiliari che grazie al web accorciano le distanze tra chi vuole comprare e vendere casa, riuscendo così a rispondere ai loro dubbi e alle loro domande in tempi più veloci e a soddisfare le loro esigenze in maniera puntuale ed esatta.

Perché aumentano le compravendite

Questi sono i 3 aspetti che la digitalizzazione ha favorito enormemente:

  1. I tempi di vendita sono più veloci

Tecnocasa, l’agenzia immobiliare italiana che opera su tutto il territorio nazionale, ha realizzato un apposito studio, per cercare di comprendere lo stato di salute del mercato immobiliare.

Come indicatore fondamentale ha considerato proprio i tempi di vendita.

In particolare Tecnocasa ha preso in considerazione le grandi città e i capoluoghi di provincia.

I dati che sono emersi sono molto interessanti, perché mettono in evidenza come rispetto ad un anno fa i tempi per collocare una casa sul mercato siano diminuiti.

Un anno fa ci volevano 122 giorni, mentre adesso bastano soltanto 112 giorni.

Nei capoluoghi di provincia la media è di 149 giorni, che arrivano a 154 giorni nell’hinterland.

Le città che si dimostrano “più veloci” da questo punto di vista sono Milano con 56 giorni e Bologna con 57 giorni.

Le città invece “più lente”, con tempi di vendita maggiori, sono state Bari con 178 giorni e Verona con 142 giorni.


In generale si può ravvisare come subito dopo il lockdown che c’è stato la scorsa primavera si è verificato un aumento delle vendite immobiliari in quanto il settore immobiliare ha puntato sulla digitalizzazione proponendo e migliorando i servizi offerti.

Gli acquirenti dunque sono stati più veloci e sono sembrati essere spinti dal desiderio di acquistare.

La maggior parte delle transazioni si sono rivelate più veloci del solito nonostante siano avvenute soprattutto online.

  1. Chi compra e chi vende è più informato e dunque consapevole

Le compravendite avvengono in maniera più sicura e veloce e questo perché chi compra e chi vende è più informato.

In effetti l’informazione immobiliare sul web riguardante la casa fino a un po’ di tempo fa scarseggiava e i dubbi e le perplessità portavano compratori e venditori a dubitare spesso anche degli esperti e professionisti del settore.

Del resto in una società dinamica e veloce come quella in cui viviamo non si può pensare che il singolo si accontenti o si arrangi come faceva fino a poco tempo fa.

Negli ultimi tempi infatti, abbiamo assistito ad uno sviluppo e incremento dell’informazione web sul settore immobiliare.

Gli utenti possono finalmente trovare risposte alle loro domande utilizzando il loro smartphone agendo dunque più velocemente e serenamente.

Likecasa.it, il sito specializzato sull’informazione del settore immobiliare in Italia, informa i suoi lettori in maniera semplice, ma precisa su tutti i temi riguardanti la casa e in un’apposita guida elenca i passi da compiere per comprare casa evitando errori e ribadendo dunque l’importanza di essere sempre ben informati.

Chi compra e chi vende, è dunque grazie alla digitalizzazione maggiormente consapevole e non lascia più nulla al caso.

Del resto quando si compra e si vende casa non bisogna sottovalutare nulla in quanto stiamo parlando di operazioni dove spesso transitano i soldi guadagnati in una vita intera o quasi.

  1. I tassi di interesse dei mutui sono favorevoli e conoscerli è facile e veloce

I mutui in questa situazione così variegata non sembrano essere interessati da un grande aumento dei tassi.

Il mercato, nonostante le stipule dei mutui siano riprese, comunque ha iniziato a segnare minimi storici nei tassi di interesse.

Questo fenomeno si è verificato perché sui mercati europei si registrano delle situazioni molto particolari per quanto riguarda i valori degli indicatori ai quali i tassi di interesse spesso si agganciano.

Informarsi sulla situazione dei tassi di interesse dei mutui in tempo reale è diventato oramai velocissimo e rapido.

Mutuinline, il sito specializzato sui mutui in Italia, aggiorna i suoi lettori sui tassi di interesse permettendogli di fare un confronto tra i vari mutui proposti dai vari istituti bancari e aggiornandoli con guide come questa.

Inutile dire che Mutuionline aveva già ampiamente diffuso il servizio sui mutui e la possibilità dunque di capire tramite il confronto tra gli stessi le tipologie di mutui esistenti e che potevano essere richieste.

Sicuramente con il lockdown questo servizio ha avuto la possibilità di mettere ben in evidenza la sua importanza e la sua utilità maggiormente, nella compravendita immobiliare.

Previsioni 2021

Con il 2021 il tutto dovrebbe riservare delle previsioni molto ottimiste, nonostante la pandemia che sta interessando sia l’Italia che l’Europa.

Infatti gli esperti rivelano che l’interesse degli investitori resterà alto ancora a lungo.

Uno dei settori su cui si punterà soprattutto saranno gli investimenti nel mercato immobiliare, nello specifico per quanto riguarda il residenziale specializzato.

Pertanto è molto possibile che gli investimenti nel settore immobiliare aumentino notevolmente.

Ci sono insomma tutte le condizioni per cui si può dire che il 2021 possa riservare delle ottime prospettive per quanto riguarda le compravendite immobiliari.

Informazione Pubblicitaria

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore