/ POLITICA

POLITICA | 05 dicembre 2020, 07:50

Sanità - Nursind Piemonte: "Le forze politiche riorganizzino il sistema sanitario senza ulteriori danni"

"Potenziate la medicina territoriale coordinando le forze in campo con le strutture già esistenti",

Foto di repertorio

Foto di repertorio

Blocco del turnover e “aziende zero” sono evidentemente gli unici requisiti che la politica chiede ad un assessore alla sanità. Non c’è nessuna discontinuità con la precedente legislatura, anzi a questa va il merito di aver istituito l’ennesimo dipartimento inutile, il DIRMEI.

Strutture che non sono in grado di coordinare alcunché dovrebbero a loro volta fare capo all’ennesimo carrozzone, indice dello sperpero di risorse pubbliche. Non Bastano i palesi fallimenti  delle OGR e il padiglione del Valentino, ci indigna che la quarta  città metropolitana d’Italia con dieci ospedali abbia tentato in pieno inverno di mettere  i malati sotto una tenda, certificata dall’Europa per carità , ma sempre una tenda.

Abbiamo una discreta esperienza delle aziende uniche ci ricordano le “efficientissime“ federazioni di Monferino, non ci pare che abbiano risolto un granché. Siamo invece convinti che moltiplichino a dismisura i ben retribuiti  incarichi manageriali, forse un premio per quei commissari che hanno dichiarato che gli infermieri si sono infettati al supermercato o per quei dirigenti che sostengono che abbiamo contratto il virus negli sgabuzzini che le amministrazioni ospedaliere chiamano cucine.

Esortiamo tutte le forze politiche, nessuna esclusa, a riorganizzare il sistema sanitario senza fare ulteriori danni. Assumete personale e potenziate la medicina territoriale coordinando le forze in campo con le strutture già esistenti. Le opposizioni chiedano perché non sia ancora stato fatto. Sciogliete il dipartimento 118, ogni azienda piemontese si amministri il suo sistema di emergenza; dovrebbe essere ormai chiaro che non sono tutti uguali.

Istituite automediche ricavabili dallo sdoppiamento degli equipaggi sanitari, medici sulle macchine e infermieri sulle ambulanze, raddoppieremo la capacità del sistema ed eviteremo di infettarci tra noi.Al verificarsi  di una terza ondata altamente probabile saranno questi i punti di cui vi chiederemo conto!!!

comunicato nursind piemonte - f.f.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore