/ ATTUALITÀ

ATTUALITÀ | 02 dicembre 2020, 18:58

A Valle Mosso lo sport fa rima con inclusione

sport inclusione valle mosso

A Valle Mosso da alcuni anni, grazie al contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Biella, vengono proposti, all’interno dell’orario scolastico, alcuni laboratori volti a far conoscere particolari discipline sportive e ad includere alunni con disabilità nel loro gruppo classe. Se in passato tale progetto è stato seguito prima dalla Comunità Montana e poi dall’ex Comune di Valle Mosso, ora il timone è guidato dall’Associazione Giovanile di Volontariato W.V.M. - W Valle Mosso, che si occupa di organizzare non solo iniziative e attività ludico-ricreative, ma anche progetti scolastici e di merito.

“Dallo scorso anno scolastico - dicono i volontari del gruppo - abbiamo avuto l’onore e l’onere di pensare e pianificare le attività del progetto Studenti in movimento… per includere!, per i plessi presenti nella municipalità di Valle Mosso. In particolare, sono stati svolti laboratori di danza moderna per la Scuola Secondaria di I grado e alcune lezioni di scacchi sia alla Primaria che alla Secondaria. Inoltre si sono tenuti alcuni incontri di ippoterapia e nuoto per una decina di alunni con disabilità, che riscontrano sempre particolare successo e soddisfazione da parte di famiglie e docenti. Ovviamente tutto si è poi interrotto con la chiusura delle scuole a causa del virus”.

Questo “investimento” è stato possibile anche grazie all’importante contributo di alcune aziende locali, da sempre attente al territorio e ai progetti che vedono coinvolti bambini e ragazzi. Le spese da sostenere sono piuttosto elevate, ma tutto ciò è motivato dalla qualità del progetto e dei partner coinvolti. “Un particolare ringraziamento - continuano i ragazzi - va rivolto a Successori Reda, Botto Giuseppe e Zegna Baruffa - Lane Borgosesia che hanno voluto sostenere questa lodevole iniziativa, permettendoci di proseguire quanto iniziato negli anni precedenti e di mantenere queste peculiarità che contraddistinguono le nostre scuole di Valle Mosso. Anche per quest’anno scolastico sono state pensate numerose attività; al momento, visto i protocolli piuttosto rigidi di distanziamento, sono stati attivati solamente sette laboratori di psicomotricità all’interno di classi che accolgono bambini con disabilità. L’inclusione è infatti il principale valore che guida le nostre scelte nella stesura del progetto e che permette ai diversi gruppi non solo di beneficiare di una figura specializzata nella psicomotricità, ma soprattutto di aiutare i bambini a vivere i valori dell’aiuto reciproco, della solidarietà, del rispetto e dell’accoglienza”.

Il successo delle iniziative è legato anche alla buona collaborazione con l’Istituto Comprensivo di Valle Mosso-Pettinengo e con il corpo docenti. A fronte dei bisogni rilevati tra gli studenti, vengono infatti pensate e proposte attività specifiche per valorizzare e sviluppare migliori competenze. La speranza del gruppo di giovani, delle scuole e delle famiglie è di riuscire a proporre tutte le aree di intervento previste nel progetto e a portarle a termine nonostante la difficile situazione sanitaria, raggiungendo in questo modo gli obiettivi prefissati.

Redazione g. c.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore