/ CRONACA

CRONACA | 25 novembre 2020, 18:00

Maradona è morto, il ricordo di Neggia: “Un campione. Quella volta che abbiamo preso un caffè in aeroporto...”

Per il giornalista sportivo l'ex Pibe de Oro era “genio e sregolatezza. Oggi il mondo piange un campione che ha dato molto al calcio”.

neggia calcio

Foto dalla pagina Facebook de La Biellese calcio

Era il più grande di tutti: Diego Armando Maradona è morto all'età di 60 anni. La notizia arriva direttamente dai media argentini e, in pochi minuti, ha fatto il giro del mondo riempendo le bacheche dei social e le prime pagine dei giornali nazionali. Calcio mondiale in lutto e appassionati addolorati per l'ex Pibe de Oro.

Campione del mondo con l'Argentina, Maradona nella sua carriera ha vestito le maglie di Boca Juniors, Barcellona e Napoli, con cui vinse due campionati italiani (1987 e 1990) e una Coppa Uefa nel 1989.

A ricordarlo il giornalista sportivo, nonché consigliere comunale e presidente della Commissione Sport Corrado Neggia che, negli ultimi anni della sua carriera, ha modo di scambiare due parole con il campione argentino. “Quando ero direttore di Calcio 5 Magazzine, mi è capitato di incrociarlo un paio di volte in aeroporto: ci siamo presi un caffè insieme e scambiato due parole una ventina di minuti. Ho intuito che avesse un bel rapporto con le figlie. Maradona era genio e sregolatezza. Da ragazzino ha saputo conquistarmi, si capiva che sarebbe diventato un fenomeno e l'ho sempre seguito in tutta la sua carriera. Oggi il mondo piange un campione che ha dato molto al calcio”.

g. c.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore