/ SPORT

SPORT | 22 novembre 2020, 19:56

Otto a referto ma Edilnol vende cara la pelle. Al Forum passa Torino 60-76 FOTO

Per 36 minuti i rossoblù lottano alla pari contro la corazzata Torino, poi la stanchezza gioca a favore degli ospiti che incassano i primi due punti in classifica.

Foto Studio Fighera

Foto Studio Fighera

Vince la Reale Mutua 60-76 con un sontuoso Clark. Il cuore e la grinta dell'Edilnol portano in evidenza che questi giovani hanno molto da dimostrare. Un risultato finale ingeneroso per Biella con solo otto giocatori a referto. E non stiamo parlando di minibasket ma di campionato A2. 

La troppa sicurezza di Torino di vedere la panchina corta rossoblù riapre i giochi, dall'altra parte la voglia di dimostrare che la canotta indossata è tutta meritata. Come di carattere, Biella non muore mai e quando meno te lo aspetti la grinta e il cuore si fanno largo. Nonostante le litigate con il tiro da 3 con una percentuale che a memoria non ricordiamo (1/24). Fino al 56-60 un match sempre aperto poi come dice coach Squarcina a termine gara "ci è mancato il centesimo per fare l'euro".

Il derby è sempre il derby ma come prima giornata di campionato Girone A, in piena pandemia, non ci sentiamo di sostenere questa tesi. Facciamo un giro dalla nostra postazione a 360 gradi e scorgiamo solo seggiolini vuoti, tranne la curva Barlera che con il loro slogan "Assenti...Presenti" ha voluto sostenere con uno striscione che la ricopre, la loro vicinanza ai rossoblù. Ci mancano i cori, gli sfottò. le coreografie che caratterizzano tutto il movimento del basket.

Un'atmosfera, inutile dirlo, inverosimile. Il sentire solo i rimbalzi dei palloni sul parquet del BiellaForum, la dice lunga. Tutto questo però ci deve far reagire e combattere così come stasera è successo in campo. In attesa di tempi migliori. 

Il match. Rossoblù in chiara emergenza, con coperta cortissima per loro per le assenze nei master di Laganà e Barbante (scavigliato), affronta i favoriti gialloblù di Torino con il rispetto che merita. Senza scusanti. Edilnol tiene il passo per i primi 6' poi il break gialloblu che allunga di sette lunghezze (12-19) per il primo time out di coach Squarcina per tentare di arginare le avanzate avversarie con i pericolosi Clark e Diop. La prima tripla rossoblù arriva dopo 13 tentativi a 2' dalla sirena del the caldo. Biella si galvanizza e riduce il gap di solo un possesso forte per il 32-35 con un parziale di tutto rispetto di 9-3 che costringe coach Cavina a parlarne con il suo quintetto. Un'ottima Biella contro la corazzata Reale Mutua chiude sotto di quattro lunghezze il primo tempo. Adesso, però, si vedrà quanta benzina avrà ancora nel serbatoio, Biella. 

Riparte Torino che piazza subito un potente 9-2 allungando a +11 il punteggio (36-45) in un match dove finora Biella litiga con il tiro da tre. Da segnalare in questo terzo quarto la super schiacciata di Wojciechowski che merita sicuramente un posto nella top ten della settimana. Agli ultimi 10' la Reale Mutua si presenta ai blocchi con un vantaggio di 8 lunghezze per il 47-55. Fino al 56-60 partita aperta poi le forze rossoblù mancano e vince Torino 60-76 anche complice un fischio molto dubbio della terna arbitrale. Applausi per questa Biella. 

Edlinol Biella-Reale Mutua Torino 60-76

(17-25, 17-13- 13-17, 13-22)

Tabellini

Edilnol Biella: Aimone, Pietra ne, Bertetti* (0/0-0/5), Miaschi* 10 (3/11-0/5), Wojciechowski* 15 (4/5-1/3), Pollone* 6 (0/2-0/0), Hawkins* 20 (9/9-0/6), Lugic 9 (3/4-0/4). All. Squarcina.

Reale Mutua Torino: Clark* 28 (4/5-5/9), Alibegovic* 5 (1/4-1/6), Pagani,  Penna (0/1-0/1), Cappelletti* 7(2/5-1/5), Campani 10 (5/11-0/0), Pinkins ne, Toscano 2 (1/2-0/5), Ferro ne, Origlia, Diop* 20 (8/10-0/0), Bushati 4 (2/2-0/4). All. Cavina.

Fulvio Feraboli

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore