/ EVENTI

EVENTI | 18 novembre 2020, 16:36

Un calendario dell'avvento teatrale, virtuale e solidale

24 racconti, interpretati da altrettanti attori e filmati, che verranno recapitati sulla posta elettronica delle persone interessate.

Foto di Teatrando

Foto di Teatrando

In questo tempo in cui tutto è rimasto in sospeso e in attesa, la compagnia Teatrando sta lavorando “da remoto” per realizzare un’iniziativa a tema natalizio: un “Calendario dell’Avvento”, teatrale, virtuale e anche solidale, costituito da 24 racconti, interpretati da altrettanti attori e filmati, che verranno recapitati sulla posta elettronica delle persone interessate.  

Testi e idea sono di Massimo Foglia, un ex componente della compagnia che è rimasto ad essa legato e ha quindi voluto coinvolgerci: “Massimo – spiega Paolo Zanone, regista e direttore artistico di Teatrando – ha realizzato un calendario in forma cartacea, scrivendo 24 monologhi dedicati ad altrettanti personaggi, legati in qualche modo alla Natività, e lo sta vendendo per raccogliere fondi da destinare a un amico che, causa Covid, è rimasto senza lavoro. Ha quindi proposto a noi di farne una versione recitata. L’idea ci è molto piaciuta. A nostra volta venderemo il calendario teatrale, che speriamo possa incuriosire coloro che ci seguono e ci apprezzano, destinando il 30% dell’incasso alla stessa causa promossa da Massimo.

Per noi sarà anche un modo per mettere qualcosa nelle casse della compagnia che, come tutti gli artisti, sta pagando molte spese fisse senza incassare. A parte la parentesi dello spettacolo estivo a Villa Piazzo e di quello presentato a settembre a Rosazza, infatti, siamo inattivi dal marzo scorso. Per chi ci stima, il calendario può diventare anche un’idea regalo e quindi un’occasione per farci conoscere a parenti e amici lontani, che non hanno normalmente la possibilità di vederci in azione nel Biellese. Abbiamo quindi voluto esagerare e siamo pronti a inviarne anche 1.000. Ci rendiamo conto che la cifra è un azzardo, ma se è vero che a Natale siamo tutti più buoni…”.  

Il calendario, destinato a un pubblico adulto, comprende dunque 24 video-racconti, che verranno inviati, uno al giorno, dall’1 al 24 Dicembre alle ore 12.25 (l’orario richiama simbolicamente il 25 Dicembre), a coloro che lo avranno acquistato al prezzo complessivo di 24 euro. I testi danno voce ai protagonisti di un ipotetico presepe, esplorando i loro pensieri e suggerendo riflessioni profonde, argute e mai banali. A raccontarsi saranno Maria e Giuseppe, figure come l’arrotino e il pastore, uno dei Re Magi e gli angeli, ma anche il bue, un cane e un gufo, nonché altri esempi di quella varia umanità, che s’immagina possa essere giunta alla grotta, richiamata dalla notizia della nascita del prodigioso bambino.  

L’Adorazione dei Magi di Peter-Paul Rubens è l’immagine che è stata scelta per il calendario. Il dipinto apparirà inizialmente costellato di quadratini, che si apriranno giorno dopo giorno, personaggio dopo personaggio, fino a svelare l’opera in tutta la sua interezza: “Tra i numerosi celebri dipinti che rappresentano la nascita di Gesù e le relativi “adorazioni” da parte di Magi e Pastori – continua ancora il regista – abbiamo scelto questa tela, perché ci è parsa potente, piena di azione e quindi particolarmente teatrale. È ricca di personaggi che, anche se non corrispondono perfettamente a quelli che andremo a raccontare, rappresentano curiose e affascinanti tipologie umane”.  

Il percorso si aprirà con Erode e proseguirà, nella prima settimana, con un pastore, due angeli, un cieco, una madre e Giuseppe. Le altre figure verranno poi svelate a poco a poco fino ad arrivare a Gesù, che chiuderà il cerchio.   La realizzazione dei video, attualmente in corso, non è ovviamente facile nell’attuale situazione da “zona rossa”, ma tutti gli attori coinvolti si stanno mettendo in gioco con grande entusiasmo, tra prove in video-chat e registrazioni realizzate in piena sicurezza grazie all’impegno del tecnico Mario Chiamenti e del fotografo Franco Ramella.  

Il “Calendario dell’Avvento” potrà essere acquistato, entro Domenica 29 Novembre, sul sito della compagnia www.teatrandobiella.it. Per l’invio della mail con i vari video farà fede l’indirizzo inserito in fase di acquisto. Se qualcuno avesse piacere di fare dono di questo calendario a parenti o amici, dopo aver completato la procedura di acquisto con la propria mail, dovrà inviare un messaggio a teatrando@teatrandobiella.it segnalando a quale altro indirizzo dovranno essere spediti i video del calendario donato e l’eventuale testo di accompagnamento al dono.  

IL DIPINTO L’Adorazione dei Magi del pittore fiammingo Peter-Paul Rubens (Museo del Prado di Madrid) è un olio su tela realizzato nel 1606 e modificato dallo stesso artista nel 1628-29. Sullo sfondo di un mondo pagano ormai in rovina, rappresentato dalle antiche colonne romane, Rubens inserisce l’adorazione in una scena notturna. I magi, abbigliati con sontuosi abiti e accompagnati dai servi che sostengono torce fumanti, si inchinano di fronte a Gesù, da cui emana la luce che illumina l’intera scena, punto d’arrivo del fastoso corteo, composto da nobili, borghesi, soldati e servi.

San Giuseppe è raffigurato con un’espressione di pura meraviglia di fronte ad un mistero infinitamente più grande di lui. I Magi, che rappresentano le tre età dell’uomo, offrono i loro doni: quello anziano vestito di rosso, l’oro, simbolo di regalità; quello maturo, inginocchiato di fronte al Bambino, la mirra (unguento usato nell’imbalsamazione), simbolo di umanità e mortalità; quello giovane e moro, l’incenso, simbolo della divinità del bambino. La struttura compositiva e alcune figure lasciano intravedere l'influsso che ebbero su Rubens i grandi pittori rinascimentali italiani. In uno dei gentiluomini con cavallo a destra è stato riconosciuto l’autoritratto dell’artista.

L'iniziativa ha anche una finalità benefica. Il calendario si può acquistare sul sito www.teatrandobiella.it .

comunicato teatrando - f.f.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore