/ EVENTI

EVENTI | 12 novembre 2020, 18:33

L’opera “DX PLANET SX” dell’artista Paolo Barichello al fianco del Battistero

Installata nella giornata di oggi, sarà esposta fino al prossimo 7 dicembre.

L’opera “DX PLANET SX” dell’artista Paolo Barichello al fianco del Battistero

Una nuova opera dell’artista biellese Paolo Barichello fa capolino in città. Nella giornata di oggi è stata posizionata a due passi dal Battistero “DX PLANET SX”, una scultura che rappresenta un grande cervello lungo 4,5 metri, alto 3 metri e largo 2 metri che accoglie piante, fiori, pesci e uccelli. Ad attendere l’opera l’assessore alla Cultura della Città di Biella Massimiliano Gaggino. La scultura resterà esposta nel centro storico di Biella fino al 7 dicembre per poi essere trasferita al Museo della Montagna di Torino. DX PLANET SX è già stata esposta ad Alagna, alla Capanna Margherita, a Gressoney Trinité, ad Ayas e al Forte di Bard.  

L’opera DX PLANET SX vuole essere un omaggio al Pianeta, al suo essere monumento naturale, messo alla prova nei secoli dall’uomo. La sintesi geometrica del cervello umano, che come tutti i pianeti si divide in due emisferi, porta a generare una nuova tappa del millenario dialogo tra l’uomo, la montagna e il mare. Emisfero destro: sogno, creatività, colore, forma e intuito. Emisfero sinistro: concetto, dettaglio, tempo, metodo e coscienza. Al centro le forme di vita animali che popolano in armonia naturale pendii e vette, mari e abissi.  

L’uomo agisce in questo Pianeta, non sempre come custode amorevole, ma troppo spesso come intruso che produce “tracce” del suo passaggio. La vetta e l’abisso luoghi da percorrere alla ricerca delle più profonde risposte, oggi, forse scenari e accessori in cui l’uomo è alla ricerca di un confronto estremo con la natura, dimenticando a volte di porsi con rispetto e umiltà.   Spiega l’artista biellese Paolo Barichello: “Ringrazio la Città di Biella che mi ospita in questa bellissima location, ho sempre voluto che i miei lavori fossero tra la gente, è una bella opportunità, anche se il periodo è difficile per tutti. Ma voglio lanciare un messaggio di speranza per il futuro. Questa opera propone un esame di coscienza, la necessaria sintesi tra pensiero, azione e produzione, orientata alla consapevolezza che l’uomo è parte integrante dell’Universo”.  

Aggiunge l’assessore alla Cultura della Città di Biella Massimiliano Gaggino: “Ci hanno chiuso le biblioteche e i musei, ma noi andiamo avanti. Insieme al sindaco abbiamo pensato che se non possiamo esporre all’interno noi continuiamo a farlo all’esterno. Ci stiamo organizzando per Natale, questa è la prima azione. Ringraziamo Paolo Barichello perché dopo tutto il tour che quest’opera ha fatto ora è arrivata finalmente a Biella”.

comunicato comune - f.f.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore