/ ATTUALITÀ

ATTUALITÀ | 10 novembre 2020, 18:39

Viverone, nessun costo per il Comune dall’aumento di stipendio del sindaco

Renzo Carisio: “La maggiore indennità è stata decisa dal Ministero dell’Interno e riguarda tutti i sindaci italiani: ho rinunciato ad una quota aggiuntiva che sarebbe stata a carico del Comune”. Via libera all’acquisto di un nuovo terreno da destinare a parcheggio. Chiusa la raccolta degli inerti.

Il sindaco Renzo Carisio - Foto di repertorio

Il sindaco Renzo Carisio - Foto di repertorio

Con decreto dello scorso 23 luglio, il Ministero dell’Interno ha stabilito un incremento dell’indennità mensile dei sindaci dei comuni sino a 3.000 abitanti, a cui, con delibera del 28 ottobre, si è adeguata la giunta comunale di Viverone con un aumento di 197,15 euro dello stipendio del sindaco Renzo Carisio (da 1450 a 1647,15 euro), nell’ambito del contributo assegnato complessivo di 2.365,85 euro per l’intera giunta comunale.

A fronte di alcuni attacchi mezzo stampa e social, Renzo Carisio ha immediatamente risposto. “In merito ad alcune fuorvianti notizie rilasciate alla stampa, ed alcuni post tendenziosi posti sulla rete, in merito al decreto del 23 luglio, - ha scritto Carisio sulla pagina FB del Comune di Viverone - ed al fine di fare chiarezza su false notizie tipo “Il Sindaco si aumenta lo stipendio“, preciso che questo aumento é stato deciso dal Ministero e riguarda tutti i sindaci italiani, i presidenti delle province e gli altri amministratori di tali enti. L’aumento non comporta costi per il comune in quanto finanziato dal Ministero, che ha già versato l’importo previsto: io ho rinunciato ad una quota aggiuntiva che sarebbe stata a carico del comune".

La giunta comunale del 28 ottobre ha inoltre approvato la perizia relativa ad un terreno sito in viale Lido Maggiore, che l’Amministrazione Comunale intende acquistare per implementare le aree da adibire a parcheggio pubblico, e per realizzazione altri spazi ed infrastrutture di interesse pubblico: il valore di 80 mila euro è, secondo la giunta, pienamente conforme alle esigenze dell’Amministrazione.

In tempi di secondo lockdown, il Comune di Viverone ha deciso di chiedere l’area del piazzale del salone polivalente adibita a raccolta di materiali  inerti: il provvedimento è in vigore da sabato 7 novembre fino a data da destinarsi.

Alessandro Bozzonetti

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore