/ COSTUME E SOCIETÀ

COSTUME E SOCIETÀ | 26 ottobre 2020, 13:44

Pay tv: come risparmiare sull’abbonamento

Pay tv: come risparmiare sull’abbonamento

La pay tv è una realtà ormai consolidata, tanto in Italia quanto all’estero: milioni di utenti usufruiscono di un abbonamento che consente loro di guardare prodotti di ogni genere, dallo sport in diretta ai film, passando per programmi di intrattenimento e divulgazione scientifica. L’universo delle emittenti a pagamento è diventato, nel corso degli anni, sempre più affollato e variegato, con una profonda diversificazione per palinsesto, target e, ovviamente, prezzo; gli abbonamenti presentano costi diversificati, in base al tipo di prodotto o al ‘pacchetto’ che si è scelto di acquistare. In questo vedremo come fare per provare a risparmiare sul costo della pay tv senza rinunciare al prodotto che si desidera.

Scegliere l’emittente adatta ai propri gusti

Per molti, pay tv è sinonimo di calcio e, più in generale, sport in diretta. In realtà, allargando l’orizzonte, molte emittenti includono nei propri bouquet una gamma ben più ampia e diversificata di prodotti di ogni genere: film, serie tv, programmi di intrattenimento, documentari e così via. Molto spesso, un abbonamento alla pay tv consente di accedere in maniera esclusiva a contenuti inediti o in anteprima, con modalità differenti (on-demand, streming o via cavo). Ciò vuol dire che, per ‘ottimizzare’ il proprio abbonamento bisogna tener conto, da un lato, dei propri gusti (e di tutti coloro avranno accesso alla tv) e dall’altro del reale utilizzo che potrà essere fatto dell’offerta formulata dall’emittente. In altre parole, chi è interessato solo al cinema e a prodotti dello stesso genere, non ha bisogno di sottoscrivere un abbonamento che includa la copertura in diretta di vari eventi sportivi; di contro, chi intende seguire solo la propria squadra del cuore o le principali competizioni nazionali ed internazionali di vari sport può scegliere l’abbonamento (o i ‘pacchetti’) che meglio si adattano alle proprie esigenze. Ciò vuol dire che il primo passo per risparmiare sulla pay tv è scegliere l’offerta giusta, così da ottimizzare la spesa da sostenere.

Verificare termini e condizioni dell’abbonamento

L’abbonamento alla pay tv costituisce un contratto a tutti gli effetti, sottoscritto da due parti: l’utente e l’emittente che eroga il servizio. Quest’ultimo viene fornito dietro il pagamento di un canone e altri costi eventuali (attivazione, acquisto o noleggio di appositi dispositivi di ricezione del segnale e simili) che rientrano nei termini e condizioni di attuazione del contratto stesso. L’utente deve prestare particolare attenzione a dettagli di questo tipo, specie se l’abbonamento rientra in qualche tipo di formula promozionale; in tal caso è bene verificare quali siano le condizioni e i costi di recesso e qual è lo scatto di tariffazione al termine del periodo promozionale. In tal modo si evitano brutte sorprese dovute ad una lettura distratta delle parti salienti del contratto.

Come scovare l’offerta migliore

Naturalmente, il modo più efficace per risparmiare sulla pay tv è quello di accettare un’offerta conveniente, magari una promozione attiva solo per un determinato lasso di tempo. Come individuare le proposte più allettanti formulate dagli operatori di settore? Di solito si ricorre al semplice passaparola tra amici e conoscenti, oppure si fa riferimento ad un qualche inserto pubblicitario in tv o sul web. Per chi, invece, vuole avere un approccio più ‘scientifico’ alla scelte, vi è un’opzione alternativa: effettuare un confronto in simultanea delle varie tariffe applicate dalle emittenti che erogano servizi in pay-per-view tramite un portale specializzato, come ad esempio Salvaconto.it; siti di questo genere consentono, per mezzo di un tool online gratuito, di mettere a confronto le proposte attive da parte delle diverse emittenti e piattaforme, così da consentire all’utente di individuare l’offerta che meglio si adatta alla proprie esigenze ed alle possibilità di spesa, senza bisogno di dover consultare singolarmente i portali di riferimento di ciascun operatore.

Informazione Pubblicitaria

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore