/ ATTUALITÀ

ATTUALITÀ | 19 ottobre 2020, 12:22

Corradino sul nuovo Dpcm: “A Biella non prevediamo zone rosse. Governo scarica responsabilità su sindaci”

corradino conte

“Il governo annuncia che non ci sarà nessun lockdown o chiusura ed un attimo dopo scarica la responsabilità sui sindaci per non doversi giustificare con l’opinione pubblica. Si tratta di irresponsabilità e denota un atteggiamento molto grave nei confronti dei sindaci che non sono un parafulmine, bensì l’istituzione più vicina ai cittadini”. A scriverlo, in un post su Facebook, il sindaco di Biella Claudio Corradino a seguito del nuovo Dpcm, annunciato ieri sera dal premier Giuseppe Conte.

“Per quanto riguarda Biella, al momento, non prevediamo “zone rosse” o chiusura di strade o piazze, in quanto si sposterebbe solamente il problema da una parte all’altra della città - scrive Corradino - Piuttosto ribadisco come da mesi i sindaci sono in prima linea nel contrastare l'emergenza del Covid-19: non ci tireremo indietro nemmeno di fronte alle nuove responsabilità che il governo ha deciso di scaricare sulle nostre spalle, ma tutto questo deve essere accompagnato da adeguate risorse per gli enti locali e da misure di ristoro economico per le attività a cui si impongono chiusure”.

Il primo cittadino prosegue sottolineando “da questo punto di vista, da parte del governo ci saremmo aspettati, da subito, un quadro dettagliato di risorse, snellimento delle procedure burocratiche, misure e interventi per aiutare categorie e attività su cui, anche questo Dpcm, impatterà in maniera fortemente negativa. Il Governo con questa scelta crea anche un enorme problema gestionale: chi eseguirà i controlli? I Comuni non hanno abbastanza personale per farlo e sicuramente non sono nella possibilità di assumere”.

g. c.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore