/ ATTUALITÀ

ATTUALITÀ | 19 ottobre 2020, 06:50

Casi Covid in aumento, il dottor Cavalotti chiarisce: “Situazione in bilico. Sì all’uso di test antigenici” VIDEO

“Ora, è molto utile considerare il tasso di positività – afferma il medico biellese – cioè la percentuale di casi positivi rispetto al numero di tamponi effettuati. Al momento il tasso è al 5 per cento circa e globalmente ci troviamo in una situazione di controllo”.

cavalotti covid

“A prescindere da quello che ognuno può pensare su questi provvedimenti, è innegabile che ci troviamo in un situazione in bilico. Il numero dei casi quotidiani ha superato la soglia dei 10mila ed era inevitabile che il Governo adottasse manovre restrittive”. Prova a fare un po’ di chiarezza il medico di famiglia Alessandro Cavalotti che, in un video appello, ha commentato le cifre elevate dei nuovi casi positivi da Covid-19 riscontrate negli ultimi giorni.

“Ora, è molto utile considerare il tasso di positività – afferma il medico biellese – cioè la percentuale di casi positivi rispetto al numero di tamponi effettuati. Si tratta di un dato molto importante perché ci fa capire se la situazione è ancora sotto controllo, o meno. Al momento il tasso è al 5 per cento circa e globalmente ci troviamo in una situazione di controllo. Ma se il tasso dovesse aumentare rischiamo di finire in una situazione estremamente delicata”. Per questo l’osservanza delle regole è fondamentale. “Per quanto possibile rispettiamole – afferma Cavalotti -  e rinvigoriamo il nostro senso civico evitando le situazioni pericolose”.

Per il medico biellese “è giunto il tempo che le istituzioni cambino passo: da tempo il Ministero della Salute ha approvato l’utilizzo dei test antigenici. Sono tamponi rapidi che individuano frammenti proteici del virus. Sono meno sensibili ma hanno una velocità di esecuzione più alta. In 15 minuti si ha già il risultato. Se medici di famiglia, pediatri e scuole venissero dotati di questi strumenti potremmo tracciare in maniera più efficace i positivi evitando chiusure prolungate di classi o tempi più dilatati per la quarantena”.  

g. c.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore