/ CRONACA

CRONACA | 14 ottobre 2020, 09:04

E' morto Aldo Brovarone papà della Alfa Romeo Duetto e Dino 246

Il biellese e Vigliano piangono la scomparsa del designer. 35 anni alla Pininfarina. Progettista di auto e designer di fama internazionale.

Aldo Brovarone con il sindaco Cristina Vazzoler in una foto del 2016 a Villa Malpenga

Aldo Brovarone con il sindaco Cristina Vazzoler in una foto del 2016 a Villa Malpenga

Una vita straordinaria. Aldo Brovarone scompare a 94 anni, lunedì 14 ottobre, lasciando in dono opere indelebili. Nasce a Vigliano Biellese nel 1926. Affascinato dagli aeroplani, sogna di diventare pilota, ma durante la Seconda Guerra Mondiale, giovanissimo viene deportato in Polonia. Riesce a sopravvivere.

A guerra finita incontra Piero Dusio in Argentina, fondatore della Cisitalia, che intendeva aprire una fabbrica in Sud America. Talentuoso nel disegno, conquista prima Dusio e poi Pininfarina, che lo assume nel 1953. In pensione dal 1988, Brovarone continua a collaborare con Fioravanti, Stola e poi Studiotorino, non abbandonando mai il disegno. 

Nei trentacinque anni alla Pininfarina, oltre ai progetti firmati da lui stesso o ai quali ha collaborato, viene ricordato soprattutto per aver creato la Dino 246 GT/GTS, considerata una delle più eleganti automobili di tutti i tempi. Celeberrimo anche il modello "Duetto" Alfa Romeo, eseguito con Franco Martinengo e Battista Farina, rimasto in produzione per quasi un trentennio. 

E ancora, la Maserati A6GCS/53 Pinin Farina Berlinetta del 1953. 

f.f.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore