/ COSTUME E SOCIETÀ

COSTUME E SOCIETÀ | 20 settembre 2020, 10:10

Etichettatura prodotti alimentari: le regole da seguire per le aziende

Etichettatura prodotti alimentari: le regole da seguire per le aziende

Attraverso l’etichetta sui prodotti alimentari il consumatore finale può avere tutte le informazioni necessarie su cosa sta acquistando e su cosa mangerà.

Oggi come oggi questo è un aspetto sempre più fondamentale, dato che è importante sapere cosa si mangia. C’è chi soffre di intolleranze alimentari, chi segue un regime dietetico, chi deve fare attenzione ad alcuni ingredienti per questioni legate alla propria salute e così via,

L’etichettatura degli alimenti assume un ruolo sempre più centrale e lo si capisce anche solo guardando i prodotti sugli scaffali dei nostri supermercati. Su ognuno di essi è esposta una tabella nutrizionale, ma c’è anche l’elenco degli ingredienti con delle note per quelli che possono essere allergeni eventualmente contenuti nei prodotti stessi.

Ma cosa ci dice la normativa sull’etichettatura dei prodotti alimentari?

Norme da seguire per la giusta etichettatura dei prodotti alimentari

Quando si fa una ricerca su etichettatura prodotti alimentari si trovano degli approfondimenti specifici realizzati da aziende del settore. Chiedere una consulenza specializzata ad aziende come Gruppo Maurizi, che da anni operano nel settore e riescono a individuare e suggerire l’iter specifico per ogni azienda è di fondamentale importanza.

Le etichette degli alimenti, infatti, devono essere precise e puntuali e devono contenere tutte le informazioni necessarie.

In Italia si fa attualmente riferimento a quello che è il Reg. UE 1169/11 che molto ci dice in merito a quelle che sono le indicazioni obbligatorie da riportare. Accanto al regolamento in questione si deve citare anche il D.lgs. 15 dicembre 2017 n. 231 che chiarisce quella che è la disciplina sanzionatoria che scaturisce dalla violazione del già citato regolamento.

L’etichetta che deve essere apposta su un prodotto alimentare deve essere in un posto ben visibile al consumatore e deve contenere, per legge, delle indicazioni ben specifiche.

Si parte dalla denominazione dell’alimento e dalla lista degli ingredienti in esso contenuti. Verranno messe in evidenza gli allergeni, la quantità e le categorie di questi ingredienti.

Devono essere indicati peso netto, data di scadenza e tutte le informazioni in merito alla conservazione e consumo dell’alimento.

Inoltre si devono dichiarare i riferimenti del produttore, il paese di origine e così via. Se si tratta di prodotti alcolici anche il tasso alcolemico oltre alla sempre presente dichiarazione nutrizionale.

Come detto, la mancanza del rispetto di queste regole porta con sé una serie di sanzioni, più o meno gravi, da prendere in considerazione.

Informazione Pubblicitaria

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore