/ ECONOMIA

ECONOMIA | 19 settembre 2020, 08:00

Fondazione Crt, al via il progetto per il recupero e valorizzazione Santuari in Piemonte e Valle d'Aosta

Prevede uno stanziamento complessivo di oltre 4 milioni di euro, con un contributo massimo per ciascun Santuario di 250.000 euro.

Santuario Boca

Santuario Boca

È aperta fino al 30 novembre l’edizione 2020 di “Santuari e Comunità – Storie che si incontrano”, il progetto della Fondazione CRT per recuperare e valorizzare i Santuari del Piemonte e della Valle d’Aosta (uno per ogni Diocesi). Fondazione CRT sosterrà proposte innovative che coniugano tre elementi: interventi di restauro e recupero dei Santuari; iniziative di inclusione e aggregazione sociale; azioni di promozione culturale e turistica per lo sviluppo socio-economico locale.

I progetti potranno essere presentati da enti ecclesiastici titolari di Santuari piemontesi o valdostani canonicamente riconosciuti, che non abbiano candidato il bene nelle edizioni precedenti, in partenariato con associazioni no profit operanti in ambito sociale e culturale. “Santuari e Comunità – Storie che si incontrano” prevede uno stanziamento complessivo da parte di Fondazione CRT di oltre 4 milioni di euro, con un contributo massimo per ciascun Santuario di 250.000 euro, così ripartito: circa l’80% destinato agli interventi di recupero, circa il 15% alle iniziative culturali e sociali e circa il 5% al raddoppio delle donazioni raccolte tramite il fundrasing. 

“Fondazione CRT rilancia l’innovativa sfida di ‘Santuari e Comunità’ fondato sulla sinergia tra le diverse forze del territorio – afferma il Presidente della Fondazione CRT Giovanni Quaglia –. Questo progetto vuole valorizzare i Santuari come luoghi di coesione, aggregazione e ri-costruzione di relazioni nella comunità: un obiettivo doppiamente importante in questo momento storico, segnato dalla frammentazione e dallo sfilacciamento sociale”.

comunicato - f.f.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore