Biella motori - 17 settembre 2020, 10:06

Codice della Strada, anche ACI Biella si schiera contro le nuove modifiche

Codice della Strada, anche ACI Biella si schiera contro le nuove  modifiche

Inizia a prendere forma la nuova versione del Codice della Strada ma sembra che sia un percorso cosparso di spine per Automobile Club Italia in base alle dichiarazioni del Presidente Angelo Sticchi. Dello stesso avviso è  Andrea Gibello, presidente dell’ACI Biella, intervenuto a favore delle parole espresse dal presidente nazionale  contro le modifiche al Codice della Strada.

Il decreto non è ancora ben definito ma da ciò che si è potuto capire finora la volontà è quella di permettere a persone come gli operatori ecologici di emettere multe agli automobilisti, di permettere alle biciclette di viaggiare contromano e di installare autovelox nelle aree con velocità massima consentita inferiore ai 30 km/h, oltre ad altri aspetti che riguardano le biciclette.

“Queste sono assurdità - commenta Gibello - perché con tutti questi autovelox e operatori del traffico aggiuntivi si arriverebbe ad una situazione di controllo estremo degli automobilisti. Io sono per la sicurezza, ovviamente, ma se il collare è troppo stretto si finisce con il creare altri problemi. L’idea di permettere a persone senza adeguate preparazione di emettere multe è senza senso. In primo luogo perché il codice della strada non è fisso ma viene aggiornato col passare del tempo ed inoltre perché, secondo me, è necessaria una preparazione adeguata per poter governare il traffico”. 

“Permettere ai ciclisti di poter intraprendere dei tratti di strada contromano è pericolosissimo - continua Gibello - e si tradurrebbe in un numero più elevato di incidenti. Non possiamo permetterci che le strade dei centri urbani vengano percorse da persone che si possano muovere in totale anarchia. Sono completamente d’accordo con il presidente Sticchi - conclude Andrea Gibello - queste misure sono inaccettabili”.

Ma.Be.

Ti potrebbero interessare anche:

SU