/ POLITICA

POLITICA | 17 settembre 2020, 07:30

Pillola abortiva Ru486, Furia (PD): "La Regione non faccia propaganda sul corpo delle donne"

"Il mix costituito dalla nostalgia dello sport del ventennio fascista del Presidente Cirio, la campagna dell'Assessore Caucino 'allontanamento zero' contro i servizi sociali e le scelte in materia di pillola abortiva dell'Assessore Marrone offre la vera immagine della destra nera che governa questa Regione".

Foto di repertorio

Foto di repertorio

Dichiarazione del segretario regionale Pd, Paolo Furia. "Sulla RU486 la Regione Piemonte sta giocando una partita che non ha nulla a che vedere con la tutela della salute delle donne. Sta invece perseguendo una propria battaglia ideologica volta a colpevolizzare le donne che si trovano in condizione di abortire. Come se l'aborto fosse una specie di capriccio, che un Assessore regionale avrebbe il compito di correggere. 

Il mix costituito dalla nostalgia dello sport del ventennio fascista del Presidente Cirio, la campagna dell'Assessore Caucino "allontanamento zero" contro i servizi sociali e le scelte in materia di pillola abortiva dell'Assessore Marrone offre la vera immagine della destra nera che governa questa Regione. Una destra che agisce nel nome di un proprio ideale astratto di famiglia ed è lontana dalle famiglie; una destra che vuole dire alle donne cosa devono fare; una destra poco credibile sul piano amministrativo, che però pretende di spiegare alle famiglie e alle donne come devono vivere e cosa devono fare. 

Occorre un sussulto di dignità dei Piemontesi: il Piemonte, patria illuminata del Risorgimento italiano, città operaia e resistente, non ha nulla a che vedere con questa guida medievale (con tutto il rispetto per il Medioevo)".

comunicato - f.f.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore