/ COSTUME E SOCIETÀ

COSTUME E SOCIETÀ | 17 settembre 2020, 09:01

“Willy”, poesia nel presente di Tore Spanu per Su Nuraghe Biella

“Willy”, poesia nel presente di Tore Spanu per Su Nuraghe Biella

La poesia “Willy” di Tore Spanu ben rappresenta lo stato d’animo che in questi giorni attraversa le nostre menti e i nostri cuori davanti a fatti di cronaca che ci lasciano sgomenti. La morte violenta di un giovane ventenne caduto sotto i colpi inferti da coetanei addestrati nelle arti marziali, porta tutti noi ad interrogarci sulla società del presente sempre più venata di brutalità.

Nella composizione poetica (termine che, nel suo significato originale, significa creazione), il Poeta indica una forma di compensazione e di rigenerazione attraverso l’amore e il conforto che lo sfortunato protagonista offre alla “màma istimàda / mamma amata” avendo “connotu sa morte senza culpa/ conosciuto la morte senza colpa”.“In questo sonetto - scrive Tore Spanu nelle poche righe che accompagnano la sua opera – Willy parla alla madre, raccontando quello che avvenuto per aver difeso l’amicizia, “pro aer’ difesu s'amistade”, rassicurandola - nell’ultima terzina - di trovarsi “Inue regnat sa paghe e s'armonia / Dove regna la pace e l'armonia”, invitandola, infine, a non perdere il sorriso: “Ma tue no perdas mai su sorrisu!”In armonia con le indicazioni dell'Autore, la poesia in Italiano è curata da Roberto Perinu e Battista Saiu, tradotta in Piemontese letterario, nella trasposizione dij Brandé, a cura di Sergi Girardin, di Caraglio (Cuneo), resa in Castigliano da Matteo Rebuffa, di Candelo (Biella).

Martedì 29 settembre, alle 21, questo sonetto verrà presentato all’interno del Laboratorio Linguistico “Eya, emmo, sì: là dove il sì suona, s’emmo e s’eya cantant”, per imparare a leggere e scrivere in lingua materna contemporanea. Appuntamento mensile tra il Circolo sardo “Su Nuraghe” di Biella e il Circolo sardo “Antonio Segni”, di La Plata (Argentina), nell’ambito del progetto di “Gemellaggio tra Nuraghes”, due comunità isolane affratellate, che vivono nella Penisola italiana e nel Nuovo mondo.

No rientro, cara màma istimàda,
Apo connotu sa morte senza culpa
Mi ant pistu ossos, prummones  e pùlpa
Lassendemi privu 'e vida in s'istrada.

Solu pro aer’ difesu s'amistade,
Mi so ‘idu cun viles assassinos
Drogados, palestrados e meschinos!
Chi no ant tentu peruna piedade.

Cando mai fit su destinu meu...
No cumprendo pruite màma mia,
In s'eternu e immensu paradisu

Inue regnat sa paghe e s'armonia
Dei cussu male lu pregunto a Deus.
Ma tue no perdas mai su sorrisu!

Tore Ispanu, su 12 de capidanni de su 2020

Willy

Non rientro, cara mamma amata
Ho conosciuto la morte senza colpa
Mi hanno pestato ossa, polmoni e polpa
Lasciandomi privo di vita sulla strada.

Solo per aver difeso l'amicizia,
Mi son visto con vili assassini
Drogati, palestrati e meschini
Che non hanno avuto nessuna pietà

Quando mai era il mio destino
Non capisco il perché madre mia,
Nell'eterno ed immenso paradiso

Dove regna la pace e l'armonia
Di quel male lo chiedo a Dio..
Ma tu non perdere mai il sorriso.

Tore Spanu, 12 settembre 2020

Willy

I torno pa pì, cara mare bin amà,
I l’hai conossù la mòrt sensa colpa,
Ha l’han fracame j’òs, ij polmon e la polpa
An lassand-me dësporvù dla vita an sla stra.

Mach pr’avèj dëfëndù l’amicissia
I son vëddume con d’assassin vij
Drogà, palestrà e miseràbij
Ch’l’han avù gnun-a pietà.

Cand mai a l’era mè destin …
I capisso pa ’l përchè, mare mia,
Ant l’etern paradis inmens

Andova ch’a regna la pas e l’armonìa
D’ës mal lì i lo ciamo a Dé.
Ma ti perd mai to sonris.

Tòre Spanu, ël 12 dë stémber dël 2020

 

Willy

 

No volveré a casa, querida madre
He conocido a la muerte sin tener culpa
Han golpeado mis huesos, pulmones y carne
Dejándome sin vida en la calle.

 

Por defender la amistad
Me he enfrentado con cobardes asesinos
Drogadictos, cachas y mezquinos
de mí no han tenido piedad.

 

Aún no había llegado mí hora ...
No entiendo el porqué madre mía
En el eterno e inmenso paraíso

 

Donde reinan la paz y la armonía
A Dios le pido que me explique ese mal. 
Pero tú nunca pierdas tu sonrisa. 

Simmaco Cabiddu Su Nuraghe - f.f.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore