/ ATTUALITÀ

ATTUALITÀ | 17 settembre 2020, 19:35

Al Centro Zegna rivive la storia: da lunedì riapre la piscina completamente ristrutturata FOTOGALLERY

Sorriso per il sindaco di Valdilana, Mario Carli: "L'impianto può partire. Sono orgoglioso di questa opera". Lavori terminati a tempo di record per 430 mila euro.

Foto Studio Fighera

Foto Studio Fighera

"La nostra piscina è un restauro conservativo di un bene culturale. Dove il pubblico riesce a lavorare bene si fanno cose incredibili". Chiara la soddisfazione del sindaco di Valdilana Mario Carli nel giorno della presentazione alla stampa delle opere eseguite al centro Zegna. Lavori a tempo di record in soli tre mesi sotto lo sguardo dell'Intendenza delle Belle Arti di Novara. 

430 mila è la spesa sostenuta dall'amministrazione Carli, cifra attinta dal mutuo sportivo a tasso zero. La storia parla da sè: l'impianto era stato progettato nel 1933, tre anni dopo l'inizio dei lavori poi conclusi nel 1938. Oggi però non si parla solo di restauro ma anche di un'opera importante come l'adeguamento delle barriere architettoniche. 

La piscina, una delle poche in Italia costruite con struttura rialzata, aveva evidenziato grosse problematiche. Sono stati restaurati tutti gli intonaci, restituite le lampade originali, serramenti tenendo presente la dispersione e quindi costruiti con vetro camera e cerniere. Tutto mantenendo le caratteristiche originali così come il mosaico, prodotto all'epoca esclusivamente per questa piscina. 

"L'impianto può partire e con orgoglio lo dico da sindaco -conclude Carli-. È una scelta quella di mantenere le strutture nei territori montani che devono servire alle persone per svolgere attività sportive. Le aree montane non sono assolutamente morte". Lunedì probabilmente aprirà al pubblico la nuova piscina facendo i conti con le normative anti Covid imposte. Da 7/8 persone per corsia si passa a 4 con tutte le problematiche che ne conseguono. Una stranezza quando si ammette lo sport di contatto: "Il cloro è un elemento disinfettante -affermano i gestori della Insport- che limita la propagazione del virus. Stiamo lavorando per portare indicazioni che possano aiutarci". 

Fulvio Feraboli

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore