/ Cronaca dal Nord Ovest

Cronaca dal Nord Ovest | 15 agosto 2020, 11:16

Accomunati dal dolore della perdita di un figlio: la vicinanza di Franca Benedusi e Cristina Giordana alle famiglie dei ragazzi morti a Castelmagno

Franca Benedusi ha perso la figlia per un tumore. Cristina Giordana ha perso Luca in un incidente in montagna

Foto di Lorenzo Martini, Castelmagno sotto le stelle pubblicata da Cristina Giordana su Instagram (loves_united_piemonte)

Foto di Lorenzo Martini, Castelmagno sotto le stelle pubblicata da Cristina Giordana su Instagram (loves_united_piemonte)

Prosegue, incessante, il cordoglio per i cinque ragazzi, tragicamente scomparsi mercoledì 12 agosto a Castelmagno. Giovani con la passione per lo sport e per la montagna, uniti dall’amicizia e dai sogni spezzati da un drammatico incidente stradale, sotto il cielo blu d’agosto che pure ha pianto lacrime di stelle.

La commozione per i fratelli Elia e Nicolò Martini, 14 e 17 anni, per Camilla Bessone, 16 anni, Samuele Gribaudo, 14 anni e Marco Appendino, 24 anni si è subito trasformata in un fiume di reazioni.

A partire da quella della scrittrice albese Franca Benedusi, che nella vita condivide lo stesso triste destino. "Sono rimasta molto colpita da questa tragedia. Poveri ragazzi privati della vita in un attimo maledetto. Il mio pensiero, però, nel sentire la notizia, è andato ai loro genitori. Perdere un figlio è il dolore più grande che si possa provare. Purtroppo la mia unica figlia Silvia è volata in cielo dopo un calvario di cinque anni. Un tumore al pancreas non le ha lasciato scampo. So cosa vuol dire perdere un figlio. So cos’è la sofferenza straziante che mina il cuore nel vedere un figlio perire lentamente. Spesso ho pensato che avrei preferito perdere mia figlia in un incidente. Piuttosto che vederla deperire e sofferente giorno dopo giorno. La vita dopo la perdita di un figlio diventa difficile e si ha l’impressione che non abbia un senso. Però, vorrei dire alle mamme dei ragazzi di guadare avanti. Di farlo per i mariti, di aiutarli a soffocare almeno un po’ tanto dolore”.

Alle famiglie si stringe in una solidale vicinanza anche la scrittrice Cristina Giordana, mamma del giovane alpinista Luca Borgoni, che perse la vita sul Cervino a soli 22 anni. Non è facile descrivere quel dolore e cercare di spiegarlo, ma lei ci è riuscita attraverso le pagine del libro “Portami lassù”, un racconto in cui il buio della notte si trasforma in una scintilla di vita capace di scaldare i cuori e riaccendere il lume della speranza. Perché la morte non ha l’ultima parola e le sue parole vogliono suonare come rimedio contro il senso di vuoto e per ripartire.

"Da quando ho saputo la notizia, non sono riuscita a scollegare la mia testa ed il mio cuore da questo fatto. Mi sono lasciata assolutamente coinvolgere al cento per cento. Nel mio piccolissimo, gestisco due profili su Instagram (loves_united_cuneo e loves_united_piemonte), che complessivamente contano circa 17mila followers e ho dedicato a questi ragazzi una bellissima foto di cielo stellato su Castelmagno, dicendo che ora nel firmamento ci sono cinque stelle in più. Egoisticamente sono contenta di non essere stata a Cuneo, perché ho visto che le bare di questi giovani erano nella stessa sala San Giovanni, che aveva accolto il mio Luca e, vista l’empatia che in me è molto accentuata, emotivamente parlando, mi sarei lasciata troppo coinvolgere da questo dramma”.

Con il nodo in gola, Cristina ha poi trovato il coraggio per rivolgere un messaggio finale a quei genitori straziati da un dolore che lei conosce bene: “Penso di essere assolutamente all’altezza di capirli e sono loro vicina. Gli auguro di trovare, come ho trovato io, la forza per riprendere ad amare la vita, non solo a lasciarsi vivere, ma a riamare la vita guardando il cielo. Questo certamente è difficile, è un percorso che durerà tutta la vita, ma che tuttavia si può percorrere e permetterà di diventare persone addirittura migliori”.

Dal nostro corrispondente di Cuneo - bi.me.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore