/ CULTURA E SPETTACOLI

CULTURA E SPETTACOLI | 06 agosto 2020, 15:41

Suoni in movimento, a Muzzano il Ritorno di Antonio Bertola Ingegnere Militare

Domenica 9 agosto il concerto "Suite antique” in onore dell'avvocato ed ingegnere militare originario del paese, a cui Muzzano ha dedicato un museo

Giovanni Mareggini - Foto N.I.S.I.ArteMusica

Giovanni Mareggini - Foto N.I.S.I.ArteMusica

Il Comune di Muzzano riabbraccia per mezzo della sede museale ad egli dedicata il personaggio biellese avvocato ed ingegnere militare. In qualità di architetto del SS. Sudario, lavora nella cappella della Santa Sindone, dove realizza l'altare centrale, che nel 1694 accolse il lenzuolo sacro.

Nel 1701 divenne ingegnere del principe di Carignano. Durante l'assedio di Torino del 1706, fu nominato capo degli ingegneri per la difesa della città nel 1708 Primo Architetto civile e militare, qualifica mai attribuita in precedenza. L'allestimento, ospitato nella Casa Comunale di fronte alla Confraternita del Rosario, mette in relazione la figura di Antonio Bertola - originario di Muzzano e protagonista di quell'epoca -, con il paesaggio, i sentieri e i percorsi storici e devozionali del luogo (processioni della Confraternita e al Santuario di Graglia), contribuendo alla lettura e alla comprensione del territorio della Valle Elvo.

E' il Barocco il denominatore comune tra l'ingegner Bertola e il programma del concerto, il potente respiro di tale ideologia investe il Seicento e si sviluppa fino a metà del 1700 in mille modi diversi e diversamente si riflette nelle corti e nelle società borghesi d'Europa coinvolgendo tutte le manifestazioni artistiche.

Il flauto (all’epoca il traversare) è probabilmente (insieme al violino) lo strumento più utilizzato nel periodo barocco.

Ogni compositore, dai più grande ed affermato fino al meno importante, ha dedicato a questo strumento numerose composizioni come raccolte di sonate o musica cameristica oltre ad un sempre più preciso utilizzo in ambito orchestrale.  Due figure di riferimento che hanno influenzato tutto il periodo sono state quella di un grande flautista e didatta come Joachim Quantz e del suo allievo più importante Federico II di Prussia alla cui corte la musica (e quella flautista in particolare) subirono un grande impulso. Il programma che viene proposto è un percorso che attraversa l’Europa: parte da Venezia con l’elegante Sonata num 2 di Benedetto Marcello e con la Sonata dalla Raccolta "Il Pasto Fido” del suo contemporaneo e concittadino  Antonio Vivaldi. Potremmo però dire anche dalla Francia perché gli ultimi studi tendono ad attribuire a Nicholas Chedeville (compositore oboista francese imparentato con la dinastia dei grandi flautisti Hotteterre) la raccolta di sonate per Flauto inizialmente attribuita al "Prete Rosso”.

Nessun problema di attribuzione, invece, per le sonate di Haendel e Bach che ci portano in Inghilterra e Germania. Haendel dedicò 10 sonate al flauto) e Bach 6 (forse 7) oltre alla celebre Partita in la min per fl solo. Rispetto alle altre sonate del programma la 1031 bachiana in tre tempi ha la caratteristica della scrittura tripartita con clavicembalo concertante (non secondo la pratica del basso continuo). In termini cronologici (non certo per importanza) l’ultimo brano è la Hamburger Sonate di CPE Bach figlio del grande Johann Sebastian grande teorico e trattatista degli strumenti a tastiera attivo alla corte di Federico il Grande in cui si notano perfettamente gli stilemi di una scrittura ormai perfettamente aderente agli stili galante e classico.

RITORNO

Domenica 9 agosto - MUZZANO – ANTONIO BERTOLA INGEGNERE MILITARE

ore 15.30 I visita guidata

ore 17.30 II visita guidata

ore 16.30 concerto Chiesa Parrocchiale di Sant'Eusebio “Suite antique” Giovanni Mareggini flauto – Corrado Greco clavicembalo

Benedetto Marcello (1686-1739) Sonata In Fa Magg. Op 2 nr.1Adagio - Allegro - Largo - Allegro

Antonio Vivaldi /1678-1741)Sonata in Do Magg. Op 13 (da Il Pastor Fido) Moderato - Allegro (gavotta)  - Aria (affettuoso) - Allegro - Giga

Johann Sebastian Bach (1685-1750)Sonata In Mi B Magg. Bwv 525   Allegro - Siciliana - Allegro

George Frederick Handel (1685-1759)sonata Nr 2 In Sol Min.Adagio - Andante - Largo - Presto

Carl Philipp Emanuel Bach (1714-1788)Hamburger Sonate In Sol Magg.Allegro - Presto 

Giovanni Mareggini, allievo di Sergio Ruscitti, si è perfezionato con Conrad Klemm e Peter Lukas Graf. Vincitore di concorsi internazionali  tra cui il Bonci di Cesena  e il Premio Yamaha di Stresa ha collaborato con numerose orchestre (tra cui la Haydn BZ e del Comunale BO) per poi intraprendere la carriera cameristica e solistica. Fondatore di Icarus Ensemble, ha suonato nei più importanti festival e teatri di 30 nazioni (Stati Uniti, Giappone, Argentina, Messico, Azerbaigian, Finlandia, Unione Sovietica, ecc) eseguendo prime assolute dei più importanti compositori contemporanei: Bussotti, Manzoni, Donatoni, Morricone, Sciarrino, Levinas, Hurel, Goebbels, Clementi, Guarnieri, Solbiati, Romitelli, ecc.Ha tenuto numerosi concerti con Giorgio Gaslini padre del Jazz italiano e Jan Anderson leader di Jethro Tull). Vanta collaborazioni con Paola Gassman, Corrado Tedeschi, Amanda Sandrelli, Maddalena Crippa, Paolo Cevoli, Giovanni Lindo Ferretti, Enzo Iachetti, Claudia Kohl, Lucio Dalla, Paolo Nori, Gad Lerner, Vivian Lamarque ecc...Ha tenuto Master flautistici in Montenegro, Italia, Giappone e per la Berkeley University di S.Francisco. Ha inciso per Ricordi, RivoAlto, Stradivarius, TGE, BottegaDiscantica, RaiEri, Dynamic, Velut Luna, Limen. Attualmente collabora con i Filarmonici di Busseto ed ha collaborato con l’Orchestra della Radio Svizzera Italiana di Lugano. Per Expo 2015 è stato invitato da Cina e Brasile a tenere concerti con i più importanti compositori delle due nazioni.E’ Docente di Prassi esecutiva e Repertorio Flautistico all 'ISSM "Peri-Merulo" di Reggio Emilia e Castelnovo Monti con Andrea Manco e ai Master internazionali La magia del Borgo di Brisighella con Gabriele Betti. Nell'ambito della musica sacra, di cui si occupa da anni, è Direttore dell'Istituto Diocesano di Musica e Liturgia di Reggio Emilia pubblicando studi e composizioni per Ed. Paoline, Dehoniane, Ed.Carrara e ED S.Lorenzo. Papa Francesco gli ha affidato la direzione musicale del Sinodo dei giovani  a Roma nell’agosto 2018. E' Direttore artistico del Teatro Bismantova di Castelnovo Monti RE.

Corrado Greco, si è diplomato in pianoforte con lode a 19 anni presso l’Istituto Bellini di Catania e si è perfezionato a Milano con Alberto Mozzati e Bruno Canino. Al Conservatorio di Milano si è diplomato in Composizione e in Musica Elettronica, e ora insegna come docente vincitore di concorso. Ha completato la sua formazione studiando Comunicazione all’Università “La Sapienza” di Roma e Musicologia alla Statale di Milano. Premiato in concorsi pianistici nazionali e internazionali, suona come solista e con orchestra per importanti istituzioni musicali italiane ed estere, con gruppi da camera (Quartetto Savinio, Amarcord Quartett dei Berliner Philharmoniker) e solisti di fama quali Mario Ancillotti, Rodolfo Bonucci, Mario Caroli, Fabio Di Casola, Bin Huang, Massimo Quarta, Giovanni Sollima, Tatjana Vassiljeva, Lorna Windsor. Come pianista del Trio des Alpes si esibisce in numerosi Festival europei e ha inciso per Dynamic. Come clavicembalista collabora con gli Ensemble Borromini e con il Collegium Pro Musica. Ha suonato in Russia, Giappone, Brasile, Svizzera, Austria, Belgio, Slovenia, Croazia, Francia, Germania, Inghilterra, Spagna, Portogallo, Egitto, Etiopia, Indonesia, ed è stato visiting professor in importanti università nordamericane. In spettacoli di musica e teatro ha lavorato con Dacia Maraini, Arnoldo Foà, Franco Graziosi, Pamela Villoresi, Amanda Sandrelli. Recentemente ha suonato il concerto di Chausson, il I di Šostakovič e i tripli concerti di Beethoven, Ghedini, Schnyder, Martinů. Tiene regolarmente seminari, conferenze e lezioni-concerto. All’Università dell’Insubria di Varese tiene corsi di Comunicazione musicale e di Musica del XX secolo. Ha pubblicato testi didattici multimediali e collaborato con Adriano Abbado alla realizzazione di un CD-Rom sul Don Giovanni di Mozart.

Informazioni:

INGRESSO GRATUITO L'ACCESSO AI CONCERTI E' LIBERO E CONSENTITO NEL RISPETTO DELLA NORMATIVA VIGENTE ANTI CONTAGIO DA COVID 19 IN VIGORE E SUCCESSIVI AGGIORNAMENTI. IN CONSIDERAZIONE DEL NUMERO DI POSTI RIDOTTI NEL RISPETTO DEL DISTANZIAMENTO

E' VIVAMENTE CONSIGLIATA LA PRENOTAZIONE PER IL CONCERTO TRAMITE SMS O WhatsApp AL NUMERO TELEFONICO 370/3031220 OPPURE ALL'INDIRIZZO MAIL segreteria@nuovoisi.it entro le ore 12.00 DEL GIORNO DEL CONCERTO.

Informazioni N.I.S.I.ArteMusica

Cell. 370/3031220 333/8180066

www.suoniinmovimento.it

Facebook suoniinmovimento

Facebook retemuseale

Instagram@suoni_in:movimento

Comunicato Stampa N.I.S.I.ArteMusica - a.b.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore