/ COSTUME E SOCIETÀ

COSTUME E SOCIETÀ | 02 agosto 2020, 07:40

Na paròla piemontèisa al meis, agost: “P” come Pardesséja

Omaggio dei Sardi dell’Altrove/omagià daj Sardagneuj fòra ’d Finagi

Na paròla piemontèisa al meis, agost: “P” come Pardesséja

Illustrato da preziosi capilettera tratti dal Missale Magnum Festivum Domini Georgii Challandi, codice miniato del XV secolo, conservato ad Aosta, continua il nuovo percorso del Laboratorio linguistico di storia e cultura sarda e piemontese per imparare a leggere e scrivere nella lingua della terra di accoglienza - Ën laboratòri lenghìstich ampivotà an sla stòria e an sla cultura sardagneula e piemontèisa pr’ëmprende a lese e a scrive ant la lenga parlà ant la tèra d’acheuj – Le parole piemontesi sono un omaggio dei Sardi dell’Altrove - Ëd paròle piemontèise omagià daj Sardagneuj fòra ’d Finagi – Sono quelle adoperate in contesto poetico nella tradizione letteraria dij Brandé, a cura di Sergio Maria GilardinoA son ëd paròle a la bon-a deuvrà ant un contest poétich conform a la tradission ëd “La bela scòla dij Brandé”, sërnùe e cudije da Sergi Girardin (Sergio Maria Gilardino) - La lettera “P” illustra la parola “Pardesséja” - La litra “P” cmè ch’i la trovoma al dësbut ëd la paròla “Pardesséja”

Pardesséja interiezione ▪ grazie [etimologia: viene dalla contrazione di tre parole mediolatine: “Per Deo sea”, che è la vecchia parola piemontese per dire “grazie!”, equivalente al vecchio italiano “Dio te ne renda merito” [per il bene che ci hai fatto].

Nell’immagine: l’incipit “P”, in Missale Magnum Festivum Domini Georgii Challandi (sec. XV), Priuli e Verducca 1993, copia facsimile posseduta a Biella dal Comm. Mario Coda.

Comunicato Stampa Su Nuraghe - bi.me.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore