Il Rally Lana 2020 in diretta su newsbiella

 / CRONACA

CRONACA | 28 giugno 2020, 06:50

Commenti razzisti contro il sindaco di una città belga, biellese espulso dal Congo

La notizia giunge da alcune testate della zona: si tratta di E. P. M., cittadino biellese che dal 2013 è andato a vivere nella Repubblica del Congo

Commenti razzisti contro il sindaco di una città belga, biellese espulso dal Congo

Un commento su Facebook, a volte, può costare caro. Com'è accaduto al biellese E. P. M., residente dal 2013 nella Repubblica del Congo, dalla quale è stato espulso per via di alcuni commenti che lo stesso, insieme ad altri, ha pubblicato sul famoso social in riferimento ad un'intervista a Pierre Kompany, il sindaco di origini congolesi alla guida della città belga Ganshoren. Nell'articolo Pierre Kompany, il cui figlio è una stella del calcio belga, parlava della dolorosa relazione tra Belgio e Congo sostenendo, in particolare, che il Belgio dovesse "scusarsi" per il suo passato coloniale.

Secondo quanto riportato dai quotidiani della zona, sull'episodio sono intervenuti gli "esperti della società civile", che attraverso un comunicato stampa del 22 giugno sostengono che i loro commenti vadano oltre la libertà di espressione, assumendo un tono denigrante, razzista e neocolonialista.

Dai primi riscontri pare che l'uomo sia fuggito in Zambia dopo l'espulsione dal Paese. Contro il cittadino di origini biellesi e i suoi connazionali, infine, è stata aperta una petizione online.

 

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore