/ CULTURA E SPETTACOLI

CULTURA E SPETTACOLI | 05 giugno 2020, 18:47

Poeti e giornalisti: premiazioni e incontri online per gli alunni di Tollegno e Andorno

studenti andorno tollegno

Sulla dirittura d'arrivo di questo particolare anno scolastico non sono mancate le soddisfazioni per due classi del comprensivo di Andorno che stanno concludendo il primo ciclo. La quinta della primaria di Tollegno ha partecipato al concorso inter regionale (Piemonte Liguria Valle d'Aosta) promosso dall' Associazione culturale Paidon Poiesis dal titolo "Non rubateci i sogni", giunto alla terza edizione.

I componimenti di cinque di loro, Giulia Tedeschi, Giulia Caputo, Lorenzo Rossi, Matilde Locuratolo, Thomas Perotto, sono risultati tra i vincitori. Lo scopo era promuovere la scrittura poetica come veicolo di trasmissione di sensibilità, di sentimenti, di valori e speranze per un futuro migliore. Purtroppo la premiazione prevista a Torino è saltata, ma invece di coppe, medaglie e gadget, è stata inviata loro una prestigiosa pergamena, ma soprattutto i selezionati avranno il piacere e l'onore di vedere i loro componimenti inseriti in una silloge come meritato riconoscimento delle loro fatiche.

Ad Andorno invece i loro colleghi di quinta hanno organizzato grazie alle loro maestre un incontro, ovviamente on line, con l'autore del loro libro di lettura (Leggere in tutti i sensi) Vincenzo Ruta, insegnante della primaria di Giaveno, eTwinning ambassador. Dopo il saluto iniziale della dirigente Martinelli, i bambini hanno iniziato la loro intervista durante la quale, con grande disponibilità, il maestro ha raccontato la sua carriera, le sue abitudini notturne di scrittore, ha sottolineato l'importanza della lettura, il rapporto con la casa editrice Pearson, il compito difficile ma molto affascinante di selezionare le letture e l'autonomia riguardo alla scelta del titolo. "In ogni libro c'è uno spirito che parla ad ognuno di noi: non bisogna lasciarlo andare perché ci dice qualcosa di importante".

Ha invitato a portare avanti con grinta e tenacia i propri sogni, senza arrendersi difronte agli ostacoli e ha poi suggerito ai bambini, quando saranno adolescenti, di interrogare proprio come Biancaneve lo specchio che hanno davanti per capire chi vogliono diventare e sicuramente riusciranno a trovare una risposta. Nonostante la modalità a distanza l'incontro è stato toccante, ricco di spunti e riflessioni. La curiosità di conoscere l'autore del loro libro e il desiderio di improvvisarsi giornalisti hanno reso la giornata emozionante.  

Redazione g. c.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore