/ CRONACA

CRONACA | 04 giugno 2020, 06:50

Biella, agli Arequipa quattro ragazzine entrano nell'area giochi, si ubriacano e una spacca bottigliette in vetro

Ancora un episodio spiacevole avvenuto in questo ultimo weekend di fine maggio inizio giugno. E a poche ore dall'aggressione di un 16enne da parte di un gruppetto di coetanei.

Foto di repertorio

Foto di repertorio

Ancora i giardini Arequipa di Biella nell'occhio del ciclone. A poche ore dal pestaggio di un ragazzino di 16 anni, altre quattro giovani, tutte di età tra i 15 e 16 anni, residenti a Biella e nel basso Biellese, si sono rese protagoniste di un fatto che è costato loro la segnalazione al tribunale dei minori di Torino e a una di loro anche la denuncia per lancio pericoloso di cose. 

Il fatto è successo alle 20 del 31 maggio, come anticipato, poche ore prima dell'aggressione ad un altro 16enne. Ad allertare la centrale operativa sono stati alcuni genitori che vista la bella giornata e il prolungamento della luce, ne hanno approfittato per giocare sul prato con i loro bambini. Ad attirare l'attenzione delle famiglie, quattro ragazzine che incuranti della norma che vieta l'utilizzo del parco giochi dei giardini pubblici, hanno scavalcato i nastri delimitatori per salire sulle attrezzature, iniziare a urlare, saltare e bere probabilmente birra.

Una di loro poi ha pensato bene di lanciare in aria le bottigliette ormai vuote che toccando terra si sono frantumate in mille cocci di vetro. L'intervento dei poliziotti della Squadra volante hanno messo fine alllo scompiglio. Le ragazzine, identificate e tutte di età compresa tra i 15 e 16 anni, sono state portate in Questura, in attesa di affidarle ai genitori. 

Negli uffici di Polizia, le ragazzine non hanno spifferato il nome dell'amico maggiorenne al quale avevano chiesto l'acquisto dell'alcol e una di loro ha anche accusato un malore, è svenuta e ha iniziato a vomitare. L'intervento dei sanitari del 118 ha provveduto a trasportare la ragazza all'ospedale di Ponderano per intossicazione alcolica. Le quattro giovanissime sono state sanzionate per violazione alle norme sull'emergenza Coronavirus che vietano l'ingresso nelle aree giochi pubbliche, segnalate al tribunale dei minori di Torino. Oltretutto, a una di loro è scattata la denuncia per lancio pericoloso di cose. 

Fulvio Feraboli

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore