/ COSTUME E SOCIETÀ

COSTUME E SOCIETÀ | 30 maggio 2020, 07:40

Il progetto biellese Tessuti di Umanità approda al Vaticano: la lettera di Papa Francesco

Il progetto biellese Tessuti di Umanità approda al Vaticano: la lettera di Papa Francesco

Un progetto tutto biellese è approdato addirittura nella Città del Vaticano. Tessuti di Umanità, opera dell'artista biellese Luca Stecchi, noto poeta e autore che vanta ormai un palmares di assoluto pregio, è giunta al Santo Padre che, per mezzo di uno scritto di Mons. Luigi Roberto Cona, Assessore per gli affari generali della Segreteria di Stato, ha fatto pervenire un pensiero di vicinanza e gratitudine per questo progetto legato alla sfera oncologica. Tanta la vicinanza per il dolore che le malattie oncologiche procurano all'individuo e immensa gratitudine per questo progetto che sensibilizza ognuno di noi. 

"Sua Santità con paterno affetto è vicino a quanti sono provati dalla malattia, dalle difficoltà della vita e dalla sofferenza", questo uno stralcio della lettera di Mons Cona. Mons. Cona, già Consigliere della Nunziatura apostolica in Italia è nato a Niscemi (Caltanissetta), classe 1965 ed è stato ordinato sacerdote nel 1990; è laureato in Teologia Dogmatica, entrato nel servizio diplomatico nel 2003, ha prestato la propria opera in diversi Stati Esteri.

Dal sogno di un bambino Luca Stecchi, poeta e scrittore biellese, parte per raccontare il suo vissuto di fanciullo tra sofferenze, emozioni e speranze. Dalla sua penna si crea un filo conduttore che attraversa le pagine del quaderno e raggiunge una maestra; metaforica figura che "coglie" il grido silente dell'anima pulita e fragile di un bimbo. Sono due i mondi all'interno del sogno di Luca Stecchi. 

Nel primo vi è un bimbo che sa che dovrà crescere e lasciare un impronta tralasciando l'ignoranza e l'ipocrisia che fa inciampare ogni essere umano. La ricerca spasmodica del "Cavaliere dalla Scintillante Armatura "che salva dal buio e dalla paura, è un chiaro grido d'aiuto nel superare le ansie che incrociamo nel percorso di crescita. 

Nel secondo mondo è preponderante il processo di crescita interiore che vuole la fiaba da vivere, ma trova solamente le spine pungenti del fiore più bello: la Vita. I confini dell'umanità lasciano un fondo di perplessità dilagante ad ogni anno aggiunto al percorso individuale. I due mondi si intrecciano in Tessuti di Umanità che danno l'esatta forza ricercata per percorrere al meglio il nostro cammino. 

Luca Stecchi ha portato a termine da poco un'opera di grande spessore sociale. Un'opera che tocca la fanciullezza e la malattia; due realtà che non dovrebbero mai sfiorarsi, ma che purtroppo, si ritrovano spesso, fianco a fianco. In quest'opera vi sono tre dimensioni di interpretazioni di un unico, sconvolgente testo. Nel primo, la nota modella e stilista Valeria Foglia, presta la sua immagine, dalle tinte forti e inquietanti, personalizzando i versi con outfit fantasy, dalla pregiata manifattura. Valeria Foglia, oltre a interpretare figure fantasiose, ha il pregio di esserne la creatrice. Realizza infatti costumi e copricapi e impegna molto tempo nello studio dei vari personaggi e l'ambientazione del set fotografico. 

È suo il brand "Teatronatura", che è stato ampiamente apprezzato anche oltreoceano; infatti la rivista Solis Magazine, importantissima pubblicazione di moda e fotografia newyorkese, a Maggio 2019 ha pubblicato alcuni scatti della modella Biellese. 

A completamento del primo video si è vista la collaborazione, per quanto riguarda la fotografia, di Lucia Coppo, Valeria Forno e Elisa Arnodo. Le musiche sono curate da Paolo Guercio, musicista e pianista, che vanta collaborazioni con Ivana Spagna, Giusi Ferreri, New Trolls e che ha al suo attivo concerti con l'orchestra sinfonica di Sanremo. La voce narrante è quella di Elisabetta Coraini, attrice protagonista di alcune fiction televisive: Cento Vetrine, La Dottoressa Gió,Una Donna per Amico, solo per citarne alcune. Dal 2015 è artista all'interno del gruppo Elisabetta Coraini & Kumalé, che rivisita le hits anni '80 in versione rock attuale. 

Nel secondo video le immagini si susseguono in una versione più reale e meno fantasiosa, ma con lo stesso pathos ci inoltra tra le pieghe dense del narrato. Attraverso Paola Matera e la sua voce, entriamo delicatamente nel sogno di Luca Stecchi. La Dottoressa Matera è un medico che lavora in prima linea; sono infatti 17 gli anni dedicati alle ambulanze del 118 e ora è stabilmente presente all'interno del Pronto Soccorso del nosocomio cittadino. Da sempre il canto è suo compagno di vita e la musica il sottofondo alle sue emozioni. 

Francesca Ceretta, cabarettista Biellese, ha collaborato alla realizzazione del video portando all'interno dello stesso, la sua impronta artistica. Francesca riesce a coinvolgere il suo pubblico durante gli spettacoli di magia e cabaret con l'innata naturalezza che la contraddistingue e ha inoltre molti sogni nel cassetto; uno di questi la pubblicazione di un libro di poesie in rima, che da anni raccoglie gelosamente. Paolo Guercio ha curato musicalmente anche il secondo video realizzando anche in questo caso una vera e propria opera d'arte.

Il terzo video coinvolge le movenze danzanti di Arianna Quartesan, ballerina biellese, la cui notorietà è ormai consacrata. Arianna ha visto i suoi passi danzanti, otre che sui palcoscenici biellesi, anche accanto a Vasco Rossi durante alcuni suoi concerti. Ma è alla Scala a Milano che avviene la giusta consacrazione del suo talento; infatti la presenza di Arianna all'interno del corpo di ballo del prestigioso teatro meneghino è una chiara ed evidente realizzazione di questa artista Biellese. 

Il terzo video è narrato da Elisabetta Coraini in lingua inglese e musicato dall'ormai noto Paolo Guercio. Luca Stecchi presenta questa sua opera, sottolineando che non ha scopo di lucro, ma vuole aiutare a dare voce a quella sofferenza silenziosa, lasciando aperta la porta della prospettiva di un futuro migliore. I video sono realizzati ancora una volta da Marco Messa della MESSA SYSTEM, bravissimo editor che in passato aveva seguito la realizzazione del video “Un battito di infinito amore.

Numerose sono a tutt'oggi le visualizzazioni dei tre video, pubblicati sul canale Youtube “Luca Stecchi Autore” del Poeta Stecchi: "Invito chi ha piacere, a visualizzarli perché sono un messaggio di grande speranza e vicinanza a chi soffre. Grazie". 

Comunicato Stampa

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore