/ ATTUALITÀ

ATTUALITÀ | 29 maggio 2020, 06:50

Morso di vipera, la parola al medico Federico Prato: ecco il comportamento da seguire

L'intervista al dottor Federico Prato svela gli esatti metodi da mettere in pratica nel malaugurato caso di una morsicatura del più velenoso rettile delle nostre aree.

Il medico Federico Prato

Il medico Federico Prato

Si avvicina il week end e con lui le gite in montagna, al lago o anche in Baraggia. E allora bisogna sempre prestare la massima attenzione ai serpenti, nel caso specifico alla vipera, il rettile più pericoloso nelle aree del Biellese. Per questo, possiamo tenere conto di alcuni accorgimenti importanti, come abbiamo scritto nell'articolo dedicato al naturalista Tiziano Pascutto (LEGGI QUI)

A tal proposito oggi entriamo nella sfera medica con l'intervista a Federico Prato, Medico Anestesista Rianimatore - Istruttore Regionale Scuola Medica del Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico. Con lui analizziamo cosa succede nel malaugurato caso in cui si venisse morsicato dal serpente.

"Entro pochi minuti dalla comparsa del morso di vipera, compaiono sintomi locali come gonfiore, eritema e dolore. Il gonfiore si estenderà verso la radice dell’arto interessato. In assenza di dolore è verosimile che il morso sia stato 'secco', ovvero non sia stato inoculato il veleno"

Come ci si deve comportare? "E’ importante sempre allertare immediatamente il Soccorso Sanitario tramite il Numero Unico dell’Emergenza 112, specie se ci troviamo in ambiente impervio, in quanto possono insorgere in poche ore quadri clinici anche molto gravi, con abbassamento della pressione (shock anafilattico), convulsioni fino all’arresto cardiaco che necessitano, quindi, di un rapido intervento medico". 

In attesa dei Soccorsi cosa si deve fare? "E' bene rimuovere anelli, orologi e bracciali. Lavare con acqua la sede del morso e procedere all’immobilizzazione dell’arto per rallentare la diffusione del veleno, utilizzando se possibile una stecca, anche di fortuna".

Dicono di rasserenare la persona vittima del morso. Compatibilmente al momento, può servire questo fattore? "Bisogna tranquillizzare la persona e non farla camminare". 

Qualcuno dice di tagliare con magari un coltello dove c'è il morso della vipera... "Infatti, a tal proposito è bene importante ricordare anche cosa non si deve fare, ovvero le incisioni nel punto del morso o i tentativi di suzione del veleno. Altra cosa, non va mai applicato il laccio emostatico né utilizzato il ghiaccio". 

f.f.

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore