/ SPORT

SPORT | 26 maggio 2020, 18:46

Dopo il lockdown, la Rhythmic School riparte al palazzetto in sicurezza FOTO

Rhythmic School

La Rhythmic School sempre un passo avanti. Riprende gli allenamenti al Palasport di Candelo e si dota di impianto di sanificazione contro il Covid-19. Le atlete della Scuola di Ginnastica Ritmica di Tatiana Shpilevaya da oggi tornano ad allenarsi presso la loro sede naturale: il palazzetto dello sport di Candelo. Dopo undici settimane di allenamenti in videoconferenza, questa mattina le RSgirls suddivise a piccoli gruppi, nell’assoluto rispetto delle normative vigenti e rispettando le linee guida emanate dalla Federazione Ginnastica d’Italia e dai vari DPCM e DPGR, hanno potuto varcare la soglia della loro “bomboniera” (resa perfetta e risplendente dal gruppo genitori) ed essere accolte dalla direttrice tecnica Tatiana Shpilevaya e dalla coreografa Lena Chursina finalmente di persona; nel pomeriggio in campo altri gruppetti di ginnaste e le altre allenatrici che compongono lo staff tecnico: Arianna Prete, Cristiana Berruti, Martina Impallaria, Margherita Chiorino, Camilla Pavan ed Arianna Larice.

Al termine della mattinata, nella pausa fra gli allenamenti, la consegna, presente il presidente Carlo Vineis ed alcuni dirigenti dell’ associazione, del sistema di sanificazione dotato di impianto di nebulizzazione a nebbia secca certificato contro il Covid-19. “Vedere la felicità che sprizzava dagli occhi delle atlete stamattina per poter riprendere a frequentare gli allenamenti in una struttura idonea all’effettuazione della ginnastica Ritmica in tutta la sua accezione più completa è stata una grande soddisfazione – afferma Carlo Vineis – che ripaga gli importanti sforzi che la Rhythmic School ha fatto per dotarsi di un dispositivo che permetta lo svolgersi della nostra attività nel palazzetto dello sport in assoluta sicurezza per atlete, allenatrici, dirigenti e famigliari. L’acquisizione di tale dispositivo ci permetterà, in proprio, di sanificare le pedane di allenamento in particolare, ma più in generale tutta la struttura, ogni qual volta sia necessario”.

“Hanno ripreso gli allenamenti  le atlete protagoniste e le agoniste – conclude il presidente - ma dai prossimi giorni è nostra intenzione dare la possibilità anche alle ragazze dei corsi base ed alle bimbe dei corsi baby, organizzando anch’esse in modo adeguato, e far loro riassaporare quella normale serenità che prima pareva cosa scontata ed ora, dopo l’avvento del Covid-19, sta diventando un privilegio per poche”.

Comunicato stampa g. c.

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore