/ CULTURA E SPETTACOLI

CULTURA E SPETTACOLI | 23 maggio 2020, 07:40

Poesie in sardo e in piemontese per imparare a leggere in lingua materna

Cytisus villosus. Nome italiano: ginestra, lerca, citiso trifloro. Nome sardo: Matzigusa, martigusa, Chorramusa

Cytisus villosus. Nome italiano: ginestra, lerca, citiso trifloro. Nome sardo: Matzigusa, martigusa, Chorramusa

Martedì 26 maggio, ore 21:00, verrà presentata la poesia “Sas abbas de maju/le acque di maggio/j’eve ’d magg”, di Nicola Loi di Ortueri (Nuoro). L’opera contemporaneo che parla del presente è inserita tra i testi del Laboratorio linguistico “Eya, emmo, sì: là dove il sì suona, s’emmo e s’eya cantant” organizzato dal Circolo Culturale Sardo di Biella per imparare a leggere e scrivere in lingua materna. Appuntamento mensile in collegamento on-line su Skype tra Su Nuraghe di Biella e il Circulo sardo “Antonio Segni” di La Plata.

Se il Sardo è la seconda lingua parlata in Italia da circa un milione e mezzo di persone, a rischio è il Piemontese nelle sue diverse varianti, Biellese compreso. Anche per questo, la poesia di Nicola Loi, curata in italiano da Roberto Perinu e Battista Saiu, su indicazione dell’autore, è stata tradotta in piemontese letterario nella trasposizione dij Brandé, a cura di Sergi Girardin, di Caraglio (Cuneo). A corredo delle opere letterarie, vengono presentate immagini di piente ed endemismi botanici con il nome scientifico, italiano e sardo.

 Sas abbas de maju

Est beneita cust'abba de maju,

Pro sa terra est beru s'abba santa.

Cuntentu su pastore, su massaju,

Faghet fozire sa birde pianta.

Ortalitzias, binzas e laores,

Bundadas dae nou alimentu.

Faghent andare totu sos fiores,

Su frutu nou si cumprit a bentu.

Lu narat puru unu diciu antigu,

Ca s'abba 'e maju est meraculosa.

Faghet bessire che canna s'ortigu,

In sos giardinos fiorit sa rosa.

Poderat su murmutu ‘e sa funtana,

E currentinu lu faghet su riu.

Pro totucanta sa terra isolana,

Richesa manna est totu s'istiu.

Su 'eranu lu ponet in friscura,

Est sa campagna piena de vida.

Sa cariasa la faghet madura,

Pius abbosa, pius saborida.

Est abbasciada finas sa calura,

Chi custas dies poniat turmentu.

Dies serenas ch'est una dulcura,

E s'istajone ponet in assentu.

Nigolau Loi, 11 de maju 2020

Le acque di maggio

È benedetta quest’acqua di maggio,

Per la terra è davvero l’acqua santa.

Contento il pastore, il contadino,

Fa germogliare la verde pianta.

Ortaggi, vigne e cereali,

Abbondano dal nuovo alimento.

Fanno sbocciare tutti i fiori,

Il frutto nuovo matura veloce.

Lo dice anche un proverbio antico,

Che l’acqua di maggio è miracolosa.

Fa uscire come canna il sughero,*

nei giardini fiorisce la rosa.

*Come il (coltello) attraversa la canna

Perdura il mormorio della fontana,

E scorrevole fa essere il rio.

Per tutta quanta la terra isolana,

Ricchezza grande è tutta l’estate.

La primavera la pone in freschezza,

È la campagna piena di vita.

La ciliegia la fa matura,

Più acquosa, più saporita.

È abbassata anche la calura,

Che quei giorni davano tormento.

Giorni sereni che è una dolcezza,

E la stagione mette in ordine.

Nicola Loi, 11 maggio 2020

J’eve ’d magg

A l’é banadìa cost’eva ’d magg,

Për la tèra a l’é dabon d’eva santa.

Uros ël bërgé, ël campagnin,

A la fà buté l’erbo vërt.

Vërdure, autin e sëriàj,

A foson-o con s’aliment neuv.

A fa dësbandì tute le fior,

Ël frut novel a marova vitman.

A lo dis cò ’n proverbi d’antan

Che l’eva ’d magg a fa ’d miràcoj.

A fa stissé la seva da la greuja,

Ant ij giardin a dësbandis la reusa.

A tren-a ’l ciosioné dla surziss,

E a fa core ’l rian.

Daspërtut dë’dzor a tuta sa tèra insolan-a,

Richëssa granda a l’é tut l’istà.

La prima a la buta ën frëschëssa,

La campagna a dësborda ’d vita.

A fà marové la siresa,

A-j dà pì ’d giuss, pì ’d savor.

A l’é dësbandasse ’dcò la càud,

Ch’ant ij di passà an ëscognava,

Giornà schlente pien-e ’d dossor,

E la stagion a ardrisso

Nicola Loi - Su Nuraghe

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore