/ 

In Breve

| 26 aprile 2020, 07:40

Occhieppo Inferiore, Mosca: "La Resistenza ci ha dato in eredità libertà e democrazia"

Occhieppo Inferiore, Mosca: "La Resistenza ci ha dato in eredità libertà e democrazia"

Il 25 Aprile a Occhieppo Inferiore è stato caratterizzato da due momenti: il primo, venerdì, con la deposizione della corona d'alloro e il discorso di commemorazione del sindaco Monica Mosca all’ultimo punto del Consiglio Comunale; il secondo, ieri, che ha visto i cittadini esporre il tricolore e cantare "Bella Ciao" all'unisono, ognuno dal proprio balcone.

"Quest'anno - ha detto il primo cittadino durante la sua orazione ufficiale - ricordiamo il settantacinquesimo anniversario della liberazione in una condizione particolare e inaspettata. Infatti, a causa dell'emergenza coronavirus, non possiamo dar luogo alle celebrazioni che una data così importante meriterebbe. Ricordare e meditare oggi sullo spirito del 25 Aprile è fondamentale, perché vorrei tanto che chi come noi non ha vissuto quel periodo drammatico possa invece prendere coraggio e dimostrare la forza e la volontà per una rinascita materiale e morale e per affrontare un nemico insidioso e invisibile".

"Molti - ha poi dichiarato - paragonano la recessione economica ad un altro dopoguerra. Non so fino a che punto si possa accettare il parallelo, ma è certo che allora l'Italia era anche un cumulo di macerie; oggi, invece, abbiamo qualcosa da cui ripartire. Il cambiamento ci sarà, ma la Resistenza ci ha lasciato in eredità il coraggio necessario a prendere in mano la nostra sorte e ci ha dato la Costituzione, una guida politica per le nostre azioni future di ripresa e ricostruzione, in una parola per rinascere. Spero che saremo tutti all'altezza di questa eredità di libertà e democrazia".

bi.me.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore