/ 

In Breve

| 26 marzo 2020, 16:41

Carburanti: l’incontro governo-sindacati scongiura lo sciopero, ma la situazione rimane tesa

I gestori lamentano, in particolare, un drastico calo del fatturato in conseguenza delle misure di restrizione della mobilità.

benzinai

L’accordo raggiunto nella serata di ieri nel corso di una videoconferenza – che ha visto schierati da un lato il Governo, rappresentato dai ministri Stefano Patuanelli (Sviluppo Economico) e Paola De Micheli (Infrastrutture e Trasporti), e dall’altro rappresentanti delle sigle sindacali FAIB, FEGICA CISL, FIGISC, ANISA – ha scongiurato il paventato sciopero dei dei distributori di carburante, che avrebbe avuto conseguenze potenzialmente devastanti nel pieno dell’emergenza coronavirus.

Lo scongiurato pericolo non è comunque sufficiente a rassicurare più di tanto nel merito, poiché le sigle sindacati di categoria hanno chiarito, nel corso del confronto con i ministri, che la loro più che una minaccia di serrata era “una richiesta d’aiuto perché tra poco non riusciremo ad aprire per mancanza di soldi”.

I gestori lamentano in particolare il drastico calo di vendite conseguente le restrizioni alla mobilità imposte dai vari DPCM e dal più recente decreto legge approvato martedì pomeriggio dal governo, che a sua volta sta studiando specifiche soluzioni per venire incontro alle esigenze dei gestori degli impianti e scongiurare il rischio chiusura, forzata, di molti di essi.

Dal nostro corrispondente di Cuneo - g. c.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore