/ Music Cafè

Music Cafè | 25 febbraio 2020, 17:47

A Biella arriva la musica degli ABBA

A Biella arriva la musica degli ABBA

Appassionati di musica e delle canzoni degli ABBA ci sono ottime notizie per voi. Il 5 marzo arriverà al Teatro Odeon di Biella “ABBA Dream. The ABBA tribute Show”, spettacolo interamente dedicato alla band svedese che a cavallo tra gli anni '70 e '80 ha ridefinito gli standard mondiali del pop da classifica. Uno show imperdibile con canzoni suonate interamente dal vivo e con luci e costumi che ricreano alla perfezione le atmosfere del tempo.

“ABBA Dream. The ABBA tribute show” è un progetto interamente italiano. A vestire i panni di Björn Ulvaeus, Benny Andersson, Agnetha Fältskog e Anni-Frid Lyngstad, sono infatti Simone Giusti (Benny) al pianoforte, Antonio Gori (Bjorn) al basso, Susanna Pellegrini (Frida), alla voce e Lara Moretto (Agnetha) all'altra voce. Accompagnati sul palco da un batterista e da un chitarrista, i quattro hanno affinato negli anni uno spettacolo di altissimo livello tecnico e scenico in cui spicca sullo sfondo un grande schermo che riproduce i videoclip originali della band svedese e in cui ogni canzone è suonata live secondo gli arrangiamenti dell'epoca.

Un vero e proprio viaggio nel pop degli anni settanta che inizia con “Voulez-Vous” e prosegue senza soluzioni di continuità attraverso brani immortali comeKnowing Me, Knowing You”, “Super Trouper”, “Money, Money, Money”, “Fernando”, “Gimme! Gimme! Gimme! (A Man After Midnight)”,”Thank You for the Music”, “Waterloo” e, ovviamente, “Dancing Queen” e “Mamma mia!”, riproposta nella versione del musical.

Rivive quindi nel miglior modo possibile il lavoro del gruppo autore di “The Winner takes it all”, una delle canzoni più iconiche dedicate al mondo del gioco, e di altre hit mondiali come Mamma Mia e S.O.S. Ma soprattutto uno dei gruppi che, oltre a riscrivere i confini della musica pop, ha avuto il merito di portare le produzioni scandinave sui palcoscenici mondiali, aprendo la strada a band pop-rock come gli Ace of Base, i Rednex, i Roxette e i The Cardigans che negli anni seguenti avrebbero conquistato milioni di appassionati in ogni angolo del globo.

La portata dell'impatto degli ABBA è riassumibile con un solo numero: 400 milioni. È la cifra, per difetto, dei dischi venduti in tutto il mondo in soli 12 anni di carriera effettiva. Un vero e proprio record, forse inaspettato, per quattro ragazzi che intorno al 1970 decisero di mettersi insieme soltanto per divertirsi e per provare a scrivere belle canzoni. La prima scelta fu quella del nome. ABBA è il semplice acronimo delle iniziali di Agnetha, Benny Björn e Anni-Frid, anche se negli anni successivi si trasformerà in un vero e proprio marchio.

Tre anni dopo la formazione arrivò il primo disco “Ring Ring”, lavoro seminale che rimase però confinato al mercato europeo (negli USA venne pubblicato soltanto nel 1995). Appena un anno dopo, nel 1974, il boom mondiale. Grazie al successo di “Waterloo”, brano che darà il nome al secondo disco, e alla vittoria dello Eurovision Song Contest, gli ABBA diventano un fenomeno di costume. Il successo è consolidato e la formazione viaggia a gonfie vele, sia a livello di live che di lavoro in studio, tanto che nei sette anni successivi arriveranno altri sei album: in rigoroso ordine cronologico, ABBA, Arrival, The Album, Voulez-Vous, Super Trouper e The Visitors.

Nel 1982 l'improvviso e inaspettato scioglimento per uno dei pochi gruppi della storia in grado di superare i propri record di vendite disco dopo disco. Dall'anno che in Italia verrà sempre ricordato per la vittoria dei Mondiali di calcio, i 4 svedesi non sono stati più visti insieme su un palco. Nemmeno l'offerta del 2000 per un tour da 100 date in tutto il mondo riuscì a convincerli a tornare sui loro passi. Qualcosa, però, è cambiato nel 2018: la band ha annunciato il tanto atteso ritorno alle attività e sta incidendo due nuove brani, di cui uno intitolato “I Still Have Faith in You”. Ancora non è certa la data di uscita ma le prime indiscrezioni parlano della seconda metà del 2020.

Informazione Pubblicitaria

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore