/ CRONACA

CRONACA | 18 ottobre 2019, 11:36

Biella, rissa agli Zumaglini: volano pugni tra donne e uomini e la polizia usa lo spray

Quattro persone, due coppie sposate, hanno dato vita ad un animato litigio. Due pattuglie della polizia di stato e polizia locale sono intervenuti. Possibile denuncia per i quattro.

Biella, rissa agli Zumaglini: volano pugni tra donne e uomini e la polizia usa lo spray

I motivi non sono chiari ma resta il fatto che nel pomeriggio del 17 ottobre, dopo le 17, due donne con i rispettivi mariti si sono messi a litigare animatamente, ai giardini Zumaglini di Biella, tra lo stupore di molte persone presenti che avrebbero anche filmato le colluttazioni. A quell'ora una pattuglia della squadra volante della polizia, transitando per le vie cittadine per controllare il territorio, avrebbe notato la piccola rissa in atto: a contatto due donne e poco distante i due mariti. Constata la situazione sarebbe intervenuta una seconda volante insieme alla polizia locale, in pattugliamento ai giardini. 

Nonostante la numerosa presenza di forze dell'ordine e i loro ripetuti tentativi di porre fine alla situazione, i due uomini avrebbero continuato a spintonarsi e picchiarsi. A detta di alcuni testimoni, a quel punto uno dei poliziotti avrebbe estratto la bomboletta contenente "spray al peperoncino", in dotazione agli operatori impegnati nei servizi di controllo del territorio, per porre fine alla scazzottata. In un attimo la colluttazione sarebbe terminata. Per i due uomini e le due donne è possibile una denuncia per rissa. 

Cos'è lo spray al peperoncino usato dagli agenti delle volanti e dei reparti anticrimine. Si tratta di un dispositivo per nebulizzare una sostanza a base di “Oleoresin Capsicum”. Per legge, il principio attivo presente negli spray, che è l’estratto del peperoncino, non può avere una concentrazione superiore al 10%. L’erogazione nebulizzante emette un getto simile a quello delle bombolette dei deodoranti. Sono spray particolarmente apprezzati perché non dovendosi prendere la mira per colpire il volto dell’aggressore, risultano molto rapidi ed istintivi.

Fulvio Feraboli

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore