/ COSTUME E SOCIETÀ

COSTUME E SOCIETÀ | 30 aprile 2019, 11:36

Giornata dell'orgoglio sardo in Piemonte, storie di migranti messe in scena dai ragazzi dell’Aglietti di Cossato

nuraghe cossato

Domenica 28 aprile, in coincidenza con la "Giornata dell'orgoglio sardo", nella suggestiva cornice della chiesa dedicata ai Santi Grato ed Eusebio in canton Gurgo di Pettinengo, si è tenuta una Giornata di studi per presentare i risultati del progetto Museo delle Migrazioni, Cammini e Storie di Popoli, sostenuto da Regione Piemonte e Regione Autonoma della Sardegna e illustrare i nuovi allestimenti museali, presenti il consigliere regionale Vittorio Barazzotto, sindaco e vicesindaco del “balcone del Biellese”.

A seguire, gli alunni delle classi prima e quinta della Scuola Primaria “Aglietti” di Cossato hanno presentato un breve spettacolo teatrale intitolato “Dai racconti dei migranti ai proverbi: dall’ascolto al palco”, ispirata dalla conoscenza di detti popolari, proverbi e scioglilingua in dialetto e in lingue straniere. Lo spettacolo è stato allestito dagli alunni e dalle insegnanti Valeria, Lorella e Maria Teresa sulla scia dell’ascolto delle interviste di nonni e genitori.La rappresentazione si è concentrata sui proverbi, sui detti popolari e sugli scioglilingua riportati dai loro parenti, da loro intervistati riguardo la loro esperienza migratoria, e gli alunni li hanno messi in scena, in modo divertente ed accattivante. I giovani attori erano emozionati, ma sono stati bravissimi nell’adattare la loro recitazione in un contesto così diverso logisticamente e così ricco di pubblico, che ha apprezzato lo spettacolo e li ha lungamente applauditi.

L’ultima parte dello spettacolo è stata una parata di proverbi, detti e scioglilingua di varie regioni d’Italia e di paesi del Mondo, pronunciati dai bambini con scioltezza e consapevolezza e con l’obiettivo di arricchire la propria memoria di parole e concetti tramandati negli anni. La rappresentazione è servita da introduzione per il bellissimo cortometraggio che ha avuto per protagonisti i bambini stessi, i loro nonni e genitori, che hanno raccontato la loro esperienza migratoria. Il filmato è stato istruttivo, emozionante e coinvolgente per tutto il pubblico e sarà disponibile a breve nell’area You Tube del sito www.sunuraghe.it

v.a. (Su Nuraghe Biella)

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore