/ Valle Cervo

Valle Cervo | 22 marzo 2020, 12:12

Coronavirus, sindaco e parroco scrivono ai cittadini di Pralungo: “Situazione sotto controllo”

pralungo coronavirus

Il sindaco Raffaella Molino e il parroco Ezio Zanotti intendono tranquillizzare i cittadini di Pralungo circa l’emergenza coronavirus anche per far chiarezza riguardo voci incontrollate che possono causare paure ingiustificate: “Nel nostro paese la situazione è  sotto controllo – dice il primo cittadino – non c’è una diffusione del contagio superiore alla norma, non ci sono focolai o valori esponenziali di contagio, per questa ragione  non ho ritenuto di dover chiudere i cimiteri, tra l’altro poco frequentati e perlopiù da persone a cui finché potrò non impedirò un momento di raccoglimento sulla tomba di un proprio caro mentre ci si potrà recare al lavoro o a far la spesa. Certo bisognerebbe uscire solo per giustificati motivi mentre a volte si vedono soprattutto anziani che passeggiano, atteggiamento sconsigliato ma tollerato se ciò avviene nei pressi della propria abitazione e da soli, meglio indossando una mascherina, senza fermarsi a chiacchierare e mantenendo una distanza di sicurezza se si incontra qualcuno. Per chi è solo questa è una situazione molto pesante da sopportare e comprendo che la spesa quotidiana è un rito che aiuta a superare i momenti di sconforto ma il rifornimento di generi alimentari bisogna farlo una volta alla settimana e non tutti i giorni e comunque sempre ricordandosi di lavarsi bene le mani quando si rientra in casa. Le persone con disciplina attendono il loro turno per entrare nei negozi uno per volta o in numero limitato a seconda della capienza del locale. In paese abbiamo alimentari, macelleria, frutta e verdura oltreché una edicola e una farmacia che operano nel pieno rispetto delle regole imposte e che al minimo sospetto sono attentamente attenzionati dal punto di vista sanitario e igienico. Riguardo a ciò siamo egregiamente supportati dalla Prefettura di Biella e dall’Asl la quale alla minima criticità viene interpellata e con scrupolo conduce le sue istruttorie e i suoi accertamenti, perciò a Pralungo sotto questo aspetto non c’è pericolo alcuno”.

“Anche per quel che riguarda la casa di Riposo Opera Pia Ciarletti – dice don Ezio Zanotti - non c’è da segnalare nessuna situazione di contagio. Sin da subito abbiamo adottato un protocollo molto rigoroso anche se per certi versi spiacevole, inibendo l’accesso ai parenti e autorizzando l’entrata solo al personale di turno scongiurando così l’ingresso del virus in struttura. Purtroppo le Messe e le funzioni in generale sono sospese ma la Chiesa dalle 9.30 alle 11.30  è aperta per i fedeli che in solitudine voglio raccogliersi in preghiera.”

“Anche grazie alla collaborazione con don Ezio – prosegue il sindaco – la situazione sociale del nostro territorio è ben nota, le persone con delle fragilità sono già state raggiunte dai servizi territoriali per le loro necessità, abbiamo messo a disposizioni diversi numeri da chiamare per informazioni o emergenze e il personale del Comune è a disposizione ma i Pralunghesi hanno fra di loro rapporti di buon vicinato o parentali che consentono un reciproco aiuto. Comprendo che alcuni cittadini vorrebbero conoscere i dati dei contagiati o delle persone in quarantena, a loro rispondo che questi sono dati sensibili e non intendo diffonderli per non suscitare curiosità morbosa o ansia, sarà compito dell’Unità di Crisi renderli noti nei modi e nei tempi che più riterrà opportuno anche se ripeto a Pralungo non c’è una situazione emergenziale sopra la norma e il tutto si sta gestendo con tranquillità e senza clamore. Ciò che conta è rispettare i divieti e gli accorgimenti che ci vengono ripetuti in continuazione, soprattutto stare a casa. Dal 21 marzo inoltre sono vietate le attività sportive all’aperto, chiuderò i parco giochi e conto di non veder più nessuno correre per strada. Colgo l’occasione per ringraziare la Proloco di S.Eurosia e della Valle, il Gruppo Alpini di S.Eurosia e di Pralungo per le importanti donazioni che sono state elargite all’Ospedale di Ponderano per far fronte a questa emergenza. La nostra comunità non è immobile. Anche l’associazione Genitori e Giovani ha realizzato un simpatico video che sta girando sui social e che infonde ottimismo e positività, ciò di cui abbiamo assolutamente bisogno in questo periodo”.

Redazione g. c.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore